Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi974
mod_vvisit_counterUltima settimana136864
mod_vvisit_counterUltimo mese557550

Iraq

IRAQ: NIDA', L'APPELLO

E-mail Stampa

Comitato internazionale di solidarietà con i prigionieri e i detenuti nelle carceri americane
«Nel febbraio 2003 è stato udito fragoroso il ruggito di protesta di milioni di persone nel mondo contro la decisione di muovere guerra all'Iraq. Essi si rendevano conto che la pace non si ottiene con la distruzione, la guerra e lo scontro di civiltà.

Gli eventi hanno dimostrato che la loro posizione era quella giusta. Gli Stati Uniti e gli eserciti stranieri che li fiancheggiavano hanno occupato l'Iraq e promesso la democrazia, la libertà e la prosperità al suo popolo. Ma il popolo iracheno, a cinque anni dall'occupazione, ancora non trova nel suo paese un posto in cui si sia al sicuro dai soldati americani, dai mercenari di Blackwater, o dai terroristi e le milizie che, appoggino o meno l'occupazione, rimangono un suo prodotto.

Inoltre, gli Iracheni non vedono alcuna speranza nel futuro se le condizioni rimarranno quelle che sono state sotto l'occupazione. Oggi più di tre milioni di Iracheni sono nella diaspora, rifugiati per paura di essere uccisi o arrestati. Quelli che sono rimasti continuano a soffrire i dolori dell'occupazione. Alcuni di loro sono stati incarcerati nelle prigioni più terribili della terra.

In questo momento, le forze americane d'occupazione stanno tenendo prigionieri più di centocinquantamila iracheni, distribuiti in 28 campi di detenzione. Migliaia di essi sono stati tenuti prigionieri per più di cinque anni, in violanzione delle Convenzioni di Ginevra relative al trattamento dei prigionieri di guerra; molti erano anziano sofferenti di problemi di salute che mettevano a rischio le loro vite. Migliaia di altri prigionieri e detenuti sono giovani uomini, donne, e bambini che sono stati presi in ostaggio in sostituzione dei loro mariti o padri. Tutti i prigionieri e i detenuti sono continuamente sottoposti alle più crudeli forme di tortura, insulti e offese alla dignità umana. Tutti loro sono privi di qualsiasi mezzo di comunicazione con l'esterno, e la maggior parte non sono autorizzati ad incontrarsi con le proprie famiglie.

Poiché non riteniamo il popolo americano responsabile delle guerre, l'occupazione e le violazioni dei diritti umani derivati dalla politica dell'attuale amministrazione USA;

Poiché ci riteniamo responsabili in primo luogo nei confronti dell'umanità, e in secondo luogo nei confronti del popolo iracheno, dichiariamo, prima che sia troppo tardi, la nostra opposizione alle pratiche dell'occupante che contravvengono alle Convenzioni sui Diritti Umani. La nostra è una posizione umanitaria e in favore della civiltà, contro tutti coloro che commettono torti contro di essa, indipendentemente dalla loro appartenenza culturale, etnica o geografica.

La nostra posizione non è soltanto una difesa della libertà e dei diritti umani degli Iracheni, ma una difesa dell'umanità, dei valori della civiltà, e del sistema legale e giuridico che dovrebbe tutelare tutti, compresi gli Iracheni.

Noi, nel dichiarare ed affermare la nostra solidarietà con coloro che difendono i propri diritti legittimi nei propri paesi, e con i prigionieri e i detenuti iracheni, condanniamo e denunciamo la prosecuzione della loro detenzione, e lanciamo un appello a tutti affinché siano iniziate tutte le attività e gli eventi possibili per richiedere il loro rilascio.

Pensiamo che la giustizia sia intrecciata con la libertà. L'erba non cresce sull'acciaio dei carri armati d'occupazione americani, come dimostrato dagli ultimi cinque anni. ma cresce nei cuori di coloro che credono nell'uomo, nei suoi diritti e nella sua dignità.

Noi, nel richiedere il rilascio dei prigionieri e i detenuti, riaffermiamo l'importanza che le forze d'occupazione americane si attengano alle Convenzioni di Ginevra riguardanti il trattamento dei prigionieri, che si smetta ogni forma di tortura contro i prigionieri, e che si permetta ad organizzazioni internazionali e dei diritti umani, e alla Croce Rossa, di visitare tutti i campi di detenzione americani in Iraq, affinché rimangano informate della situazione dei prigionieri e dei detenuti».

Comitato internazionale di solidarietà con i prigionieri e i detenuti nelle carceri americane in Iraq
(Nida' - la chiamata)

26 aprile 2008

Pubblicato dalla Redazione il 30 aprile 2008

 

IRAQ: LA RESA DEI CONTI NEL CAMPO SHIITA

E-mail Stampa

La «SAHWA» che gli americani non avrebbero mai desiderato
E’ un fatto indiscutibile che la nuova battaglia scoppiata a Bassora il 25 marzo (e poi estesasi a tutto il sud e il centro del paese fin nel cuore di Baghdad -- e che sta continuando malgrado la tregua formale dichiarata il 30 marzo) l’ha voluta, col pieno appoggio americano, il governo di al-Maliki. Perché? Contenuta momentanemante la spinta della Resistenza sunnita, la coalizione al governo (di cui le due forze decisive sono il Consiglio Supremo Islamico Iracheno-CSII e il Da’wa) vuole infliggere un colpo risolutivo all’eterogeneo movimento di Moqtada, con l’obbiettivo dichiarato di farlo a pezzi e toglierlo di mezzo.

Perché il governo fantoccio ha scelto questo momento? Perché ad ottobre ci saranno decisive elezioni provinciali, elezioni che tutti gli iracheni pensano vincerà appunto Moqtada al-Sadr e che segneranno una sonora sconfitta per la coalizione al governo. Ma la posta in palio non è solo il governo, è l’assetto istituzionale del paese. Al-Maliki, col pieno sostegno non solo del suo partito (Da’wa), ma di quello del CSII di Abdul Aziz al-Hakim, dei due partiti curdi e di alcuni notabili sunniti, vuole un assetto federale che spazzerebbe via l’Iraq come stano nazionale unitario. I governatorati regionali, progettati su basi confessionali, disporranno infatti autonomamente delle riorse petrolifere, producendo la definitiva spaccatura del paese.

Moqtata si oppone fermamente a questa dissoluzione dell’Iraq e mobilita un vasto movimento di massa che si richiama al nazionalismo e denuncia non solo l’occupazione americana, ma ogni interferenza straniera, quella iraniana compresa.

Dare un giudizio univoco della politica di Moqata al-Sadr non è possibile. Ieri a fianco della Resistenza sunnita poi contro, coalizzato con le altre forze shiite come il Consiglio Supremo Islamico Iracheno e il Da’wa e poi avverso, prima nel governo ora a sparare addosso al regime fantoccio di al-Maliki. Un momento invoca la crociata contro l’occupante americano, quello successivo dichiara una tregua unilaterale.

Questo zig-zagare non si spiega tuttavia a causa del suo carattere bizzarro ed estroverso. Se non si giustifica, si comprende, a causa delle molteplici e contrastanti e poderose pressioni a cui egli è sottoposto in quell’inferno che è diventato l’Iraq, segnato da una lotta di tutti contro tutti per il controllo di questo o quel quartiere, di questa o quella città, di questo o quel ponte di transito. Si tratta di una battaglia che precede quella finale, quella che decide le sorti dell’Iraq come stato nazionale unitario, di chi debba avere il potere, di come debbano essere distribuite le risorse petrolifere.

Non che Moqtada non sia protetto da alcuni pezzi dell’apparato politico-militare di Tehran. Il fatto è che a Tehran, sono profondamente divisi sui futuri assetti iracheni e regionali. Il grosso, comunque, aiuta e sostiene non Moqtada, ma i suoi acerrimi avversari shiiti, ovvero i due partiti storici filo-iraniani: il CSII e il Da’wa. Che sono proprio le due forze che gli stessi americani appoggiano, non solo in generale, ma proprio in questi giorni che esse stanno cercando (senza successo per fortuna) di annientare l’esercito del Mahdi, la forza armata di Moqtada. Divisi da un dissidio che potrebbe sfociare in conflitto aperto, americani e iraniani condividono non solo il sostegno al governo di al-Maliki, ma pure lo squartamento dell’Iraq, la sua divisione in rispettive zone d’influenza, in effimeri protettorati petroliferi. L’opposizione di Moqtada a questo disegno è un fatto di grandissima importanza. Dalle sorti di questa opposizione dipendono sia le sorti del governo fantoccio sia qulle del disegno di spezzettamento dell’Iraq in zone di influenza di americani e iraniani.

L’attuale battaglia viene presentata dalla stampa occidentale come scontro tra le milizie di Moqtada e le «forze dell’esercito regolare». Si tratta in verità di scontri tra milizie shiite, poichè il cosiddetto esercito regolare è composto da miliziani del Badr (il braccio armato del CSII), del Da,wa e di Fadila, agghindati con le divise fornite loro dagli occupanti.

Come antimperialisti noi siamo dalla parte di Moqtada e del Mahdi malgrado tutto. Non dimentichiamo le nefandezze compiute da alcuni pezzi del Mahdi contro la popolazione sunnita. Col pretesto di rispondere al terrorismo «qaedista» le milizie che fanno capo a Moqtada hanno spesso compiuto atti gravissimi di ritorsione ed hanno promosso una politica di espulsione dei sunniti da varie zone miste di Baghdad come di altre importanti città. Difficile dimenticare la guerra sporca tra il febbraio 2006 (dopo il tremendo attentato antishiita a Sammarra) e la primavera del 2007. Quella fase tragica sembra essersi chiusa (per fortuna). Se ne è aperta un’altra: nella quale il movimento di Moqtada potrebbe diventare in Iraq ciò che Hezbollah è stato ed è per il Libano.

Le informazioni ch giungono oggi (4 aprile) da Bassora, Karbala, Sadr City, Hilla ecc., sono che i guerriglieri del Mahdi non solo stano resistendo, essi hanno strappato ai loro nemici il controllo di zone e intere città, e questo malgrado l’aviazione americana sia intervenuta pesantemente. Cresce dunque il consenso popolare alla Resistenza di Moqtda, soprattutto dei settori più poveri delle città e dei villaggi. Solidarietà ai guerriglieri è giunta pure dalla popolazione sunnita. A Fallujia, ad esempio, i cittadini hanno donato il loro sangue per inviarlo a Bassora.


Campo Antimperialista Sez. Italiana 5 aprile 2008

 
Pagina 15 di 15

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Primo Fronte Iraq

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.