Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi15035
mod_vvisit_counterUltima settimana160032
mod_vvisit_counterUltimo mese683673

Intervista esclusiva alla Delegazione di Pace delle FARC-EP a L'Avana

E-mail Stampa

La pace è un diritto di tutti i colombiani (intervista a cura di Tribuna Popular)

Il 26 Agosto 2012, a L'Avana, Cuba, le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia - Esercito del Popolo (FARC - EP) e il governo della Colombia hanno firmato uno storico e speranzoso "Accordo generale per la fine del conflitto".

Il 18 ottobre di quell'anno diedero inizio alle "conversazioni dirette e ininterrotte sui punti dell'agenda", conosciuti come i dialoghi de L'Avana, "al fine di raggiungere un Accordo Finale per la risoluzione del conflitto che contribuisce alla costruzione di una pace stabile e duratura".

I punti dell'agenda sono: 1) Politica di sviluppo agrario integrale; 2) Partecipazione politica; 3) Fine del conflitto; 4) Soluzione al problema delle droghe illecite; 5) Vittime; 6) Attuazione, verifica e controfirma.

Diverse sfide si devono superare nell'obiettivo di garantire "l'efficacia del processo e completare il lavoro sui punti dell'agenda in maniera spedita e nel più breve tempo possibile" e, nonostante le diverse visioni di ciò che significa "nel più breve tempo possibile", sono stati raggiunti una serie d'accordi nei primi due punti dell'agenda.

Le più diverse organizzazioni politiche e sociali, dentro e fuori la Colombia, seguono e sostengono in modo solidale e attivo questi dialoghi, essendo parte delle ampie, massicce e popolari mobilitazioni per fare pressione al governo di Juan Manuel Santos perché assuma seriamente la generazione di condizioni e garanzie per raggiungere un accordo di pace su una solida base di vera democrazia, giustizia sociale e sovranità.

Le FARC-EP evidenziano che le loro bandiere storiche "sono in primo ordine della lotta politica", in modo che il governo sappia che "non siamo né staremo in piani di resa", e che "l'unica via d'uscita è quella di risolvere i problemi che hanno generato il conflitto".

Assumendo l'impegno con i colloqui di pace, una Commissione del Partito Comunista del Venezuela (PCV), guidata dal suo Segretario Generale, Oscar Figuera, ha tenuto riunioni nella capitale cubana con la Delegazione di Pace delle FARC-EP, organizzazione guerrigliera che il prossimo 27 maggio arriverà ai suoi 50 anni.

Nel quadro di queste riunioni, Tribuna Popular ha realizzato una intervista esclusiva con Iván Márquez, membro della Segreteria delle FARC-EP e Jesús Santrich, dello Stato Maggiore Centrale, che riproduciamo integralmente di seguito:

TP: L'accordo generale sottoscritto con il Governo colombiano si pone l'obiettivo di "porre fine al conflitto", la conquista del Potere politico e la costruzione del Socialismo sono ancora gli obiettivi delle FARC-EP?

Ciò che stiamo discutendo sono punti di approccio per risolvere essenzialmente le cause della miseria, della disuguaglianza e della mancanza di democrazia, raccogliendo in particolare le iniziative popolari in questo campo.

Siamo consapevoli che al tavolo non andiamo a fare la rivoluzione, ma nemmeno si tratta che il governo ottenga una pace conveniente senza cambiamento nelle ingiuste strutture. Questo dipende dall'azione organizzata delle masse; è per questo che quelle che stiamo discutendo sono le proposte minime e non il nostro programma rivoluzionario fino al Socialismo, al quale non rinunceremo mai.


TP: Che cosa intendete per "fine del conflitto"?


La fine del conflitto ha due livelli specifici: uno è la fine dello scontro militare propriamente detto e l'altro, la fine dello scontro sociale che deriva dai profondi problemi d'ordine politico, economico e sociale che patisce la maggioranza.

Combinando i due fattori, la fine del conflitto significherà l'inizio di un lungo periodo di tregua bilaterale che permetta di materializzare gli impegni concreti di cambiamento che si raggiungeranno al tavolo, ma con la partecipazione attiva, protagonista del movimento popolare.

Ciò sarà sicuramente accompagnato da un processo costituente per riconfigurare l'ordinamento politico e sociale del paese. In Colombia si devono creare le condizioni e le garanzie per l'esistenza di una democrazia reale che permetta la soluzione civile delle aspettative delle comunità.


TP: E' passato un anno e mezzo dalla firma dell'accordo generale, rimanete ottimisti circa le possibilità di raggiungere una "pace stabile e duratura"?


Abbiamo raggiunto due accordi parziali, molto importanti sulla trasformazione agraria e sulla partecipazione politica e siamo in procinto di realizzare qualcosa di simile sulla questione della sostituzione delle coltivazioni illecite che è parte di un problema sociale maggiore rappresentato dal narcotraffico, che tocca l'intero tessuto sociale e attraversa l'insieme delle istituzioni in Colombia.

Questo ed il grande sostegno sia a livello nazionale che internazionale, che ha il processo, ci danno l'ottimismo per restare al tavolo del dialogo.


TP: In quali temi del dialogo vi sono grandi differenze con il Governo? Quali sono i nodi che sembrano più difficili da superare?


Tra il primo e il secondo punto abbiamo accumulato 24 titoli che raccolgono temi rispetto ai quali vi è l'impegno a ridiscutere e trovare soluzioni, perché sono elementi nodali, insormontabili, senza i quali non si potrà concludere un accordo definitivo.

Essi sono pubblicati in dettaglio nei nostri siti di diffusione, ma possiamo dirvi che i primi ruotano attorno la proprietà, possesso ed uso della terra, concretamente sulla necessità di porre fine al latifondo, arginare la proprietà straniera della terra per realizzare una vera e propria redistribuzione, che ponga fine a questo scandaloso accaparramento della terra che esiste nel settore.

Su questo stesso piano si pone il problema dei conflitti d'uso della terra, che hanno a che fare con la nefasta presenza degli allevamenti di bestiame e che riguarda quasi 40 milioni di ettari (un terzo del territorio nazionale) e la pericolosa espansione delle miniere energetiche che minaccia pericolosamente l'equilibrio ambientale e la sostenibilità dell'economia. Annessa vi è la presenza rifiutata dei trattati di libero scambio, al fine di stabilire il cosiddetto diritto reale di superficie, tra gli altri elementi che mirano ad una campagna senza contadini per fare spazio agli interessi delle multinazionali. Su questo punto, il riordinamento territoriale è di interesse fondamentale.

I secondi riguardano l'esercizio della democrazia, la ristrutturazione istituzionale e dello Stato, che con urgenza reclama la Colombia in materia elettorale, giustizia, politica economica, organismi di controllo, salute, istruzione, ecc., ma soprattutto l'aspetto della Dottrina della Sicurezza Nazionale, in particolar modo le modifiche che richiedono le norme di sicurezza cittadina, che oggi criminalizzano in modo estremo la protesta sociale.

Non vediamo alcuna difficoltà che tutto quello menzionato possa essere risolto, perché dopo un progresso come quello già raggiunto, si deve dare una maggiore partecipazione della cittadinanza, della sovranità ed è logico che sia una Assemblea Nazionale Costituente che, dopo aver risolto le differenze, ci dia un trattato di pace.


TP: Perché questi colloqui di pace si tengono fuori dalla Colombia? Vi è la partecipazione reale ed effettiva del popolo colombiano?


Non sempre le FARC hanno dialogato in territorio colombiano; ci sono stati colloqui a Caracas e poi a Tlaxcala, Messico. L'insistenza che i colloqui si facessero in Colombia era per avere una maggiore partecipazione della comunità nel definire i problemi che sono di interesse nazionale. Ma l'intransigenza del governo ad ammettere che i dialoghi si sviluppassero nel paese, potrebbe vanificare la possibilità della riconciliazione.

Per questo abbiamo deciso di non rendere questo tema una questione di principio, soprattutto quando siamo riusciti a concordare il fatto che sarebbero stati realizzati sul territorio nazionale forum di discussione e meccanismi per far sì che la gente potesse presenziare a L'Avana, fino alla promessa di voli charter per i connazionali che volevano partecipare; promessa che, finora, non si è materializzata e piuttosto si è minacciato di perseguire coloro che si spostavano a Cuba per parlare con la Delegazione di Pace della guerriglia.

D'altra parte, l'idea che la sede fosse Cuba, paese garante, con il forte sostegno del Venezuela, ha fornito un carattere di sicurezza e di fiducia assoluta nella fase dei colloqui. Siamo pienamente soddisfatti che questi colloqui di pace si svolgono nell'Isola della libertà. Le FARC sono molto grate a Cuba, al suo governo e al suo popolo, che hanno accolto con rispetto e imparzialità le parti.

Infine, riteniamo che per quanto riguarda la partecipazione delle persone alla costruzione degli accordi, l'ostacolo non è la geografia, ma la disposizione che esiste nel governo a includere le proposte che le organizzazioni sociali e politiche del paese hanno trasmesso al tavolo. E' necessario che i cittadini conoscano i progressi e le questioni in cui non c'è accordo, in modo da poter decidere sulle soluzioni; in questo modo ciò su cui ci si accorda risponde alle aspirazioni della maggioranza che vuole cambiamenti strutturali nel nostro paese.


TP: Perché sono falliti i dialoghi precedenti? Quali sono le differenze con il processo in corso?


Uribe [1984] fallì perché, dopo la firma dell'accordo e dell'emergere dell'Unione Patriottica per far politica in condizioni di democrazia, ci furono incompiutezze, violazioni al cessate il fuoco bilaterale ed una ondata di assassini contro dirigenti e militanti del nuovo movimento che divenne il più grande genocidio politico della storia recente dell'America Latina.

Caracas [1991] e Tlaxcala [1992] fallirono perché invece di risolvere i profondi problemi sociali che hanno generato lo scontro, il governo decise di soddisfare l'accordo di Washington e dare corso all'apertura economica neoliberale che approfondì le condizioni di miseria e disuguaglianza in Colombia.

Come lo stesso presidente Pastrana ha confessato nelle sue memorie del processo, il governo non ha cercato la riconciliazione a Caguan [1998-2002], ma cercava di guadagnare tempo per riprogettare l'esercito. Necessitava di frenare la dinamica di sconfitte successive di quell'esercito per mano della guerriglia ed eliminare ogni espressione di insoddisfazione relativa all'approfondimento del neoliberismo. Non c'era alcun desiderio di pace in quel governo; infatti, in pieno sviluppo dei dialoghi, tollerò massacri paramilitari contro la popolazione e una volta che gli strateghi di Washington avevano pronto il Plan Colombia, con un qualsiasi pretesto ruppe il dialogo e scatenò la guerra.

Nonostante tutto questo, abbiamo persistito nella ricerca di soluzioni politiche, perché la pace è il nostro proposito strategico. Vediamo che è possibile avere formule per risolvere i problemi essenziali sulla proprietà e l'utilizzo della terra, aprire le porte alla partecipazione politica dei cittadini e generare cambiamenti strutturali che favoriscano la maggioranza sociale; per questo siamo a L'Avana.

Se si osserva bene, il fattore comune di blocco e fallimento nei tre tentativi di pace attraverso il dialogo, è stato pretendere la smobilitazione dell'insurgencia senza cambiamenti nelle ingiuste strutture politiche, economiche e sociali.

La differenza sta nel fatto che il governo ha un'esperienza; sa che non siamo mai stati e mai saremo per i piani di resa e ciò gli dà abbastanza elementi per capire che l'unica via d'uscita è quella di risolvere i problemi che hanno causato il conflitto, se si vuole costruire la pace su solide fondamenta.


TP: Il governo colombiano ha negato di accettare un cessate il fuoco bilaterale e ha persistito nella sua linea militarista, pensate che abbia reale volontà di raggiungere accordi di pace?


Il militarismo è uno degli elementi da rimuovere da qualsiasi scenario di dibattito politico. Quando il governo deciderà di lasciarsi alle spalle l'aspetto già citato della Dottrina di Sicurezza Nazionale, la concezione del nemico interno e il paramilitarismo, vale a dire, della guerra sporca, potremmo dire che si è passati dalla retorica alla pratica, per quanto concerne una volontà di pace certa.

Nel frattempo noi, con le dichiarazioni di tregua unilaterale e molti altri segnali di volontà di riconciliazione, abbiamo cercato di contribuire a creare l'ambiente migliore per approcciare ed alleviare la popolazione dalle dure conseguenze della guerra. Speriamo che a un certo punto il governo assuma lo stesso atteggiamento e abbandoni l'idea vana che con la pressione militare raggiungerà vantaggi al Tavolo, perché qui i vantaggi non devono essere per nessuna delle parti in particolare, ma per l'intera società.


TP: Permetterà l'oligarchia colombiana che avanzino gli sforzi di pace e le garanzie di partecipazione politica democratica?


L'idea del dialogo è precisamente costruire gli spazi di partecipazione democratica. Questo non è facile, perché al di là di esprimere la disponibilità a parole, bisogna esprimerla nella pratica ed è questo ultimo aspetto su cui noi richiamiamo attenzione. Per questo abbiamo detto che sono obbligatori cambiamenti di fatto, che trascendono dalla retorica del governo.

Finora gli assassini non si sono fermati, la persecuzione dei dirigenti popolari, l'incarcerazione e la criminalizzazione della protesta sociale, nemmeno, quindi il nostro ottimismo è moderato perché la realtà nella quale costantemente appaiono i denti del militarismo, riempie il cammino d'incertezze.

Non abbiamo mai dimenticato che le élites colombiane, sono élite sanguinarie. Ci auguriamo che la controparte rettifichi e che i fattori fascisti che alimentano la guerra e la degradano, come l'uribismo, affoghino nel loro fango.


TP: L'accordo sottoscritto stabilisce che il Governo dovrebbe combattere le organizzazioni criminali, ma sono noti i suoi legami storici con il paramilitarismo, che aspettative avete che si compia questo punto?


Questo ha a che fare con la questione della dottrina di Sicurezza. Se questa non cambia è impossibile che il paramilitarismo o il nome che gli danno, come l'attuale di bande criminali (BACRIM), finisca. Se non c'è una decisione politica tagliente, saremo semplicemente condannati ad un altro fallimento, perché la guerra sporca si erigerà, come previsto dal Procuratore Generale della Nazione, Eduardo Montealegre, nel principale ostacolo alla pace. Quindi questo è un aspetto che implica non solo aspettative.

In questo non possiamo fare affidamento solo a promesse, ma a fatti palpabili. La disattivazione del paramilitarismo deve essere visibile a tutti e questo implica una depurazione delle istituzione armata compresa la smilitarizzazione dello Stato e della società.


TP: Avete previsto il tempo in cui potrà avvenire la firma dell'Accordo Finale?


In questo impegno dobbiamo spendere tutto il tempo necessario senza dipendere da premure elettorali, legislative o di qualsiasi altro tipo. Inoltre, la pace deve essere una politica di Stato e non ubbidire agli interessi o capricci di alcun governo in particolare, perché questo è un confronto che già compie mezzo secolo e quindi richiede un'analisi riposante delle sue cause e soluzioni. Da parte nostra, lavoriamo instancabilmente perché si realizzi nel più breve tempo possibile.


TP: Per rafforzare il processo di pace, che ruolo deve avere il Congresso eletto lo scorso 9 marzo?


Il Congresso della Repubblica recentemente eletto, con poche eccezioni, è la riedizione di una istituzione screditata e corrotta con la quale, purtroppo, si avrà a che fare per realizzare qualsiasi accordo politico a favore della pace, ma non per realizzare le trasformazioni che sono necessarie, perché qui non vi è alcuna autorità né volontà per rendere questo possibile.

Tuttavia il meccanismo di controfirma per il processo, deve contare, se seguiamo la via delle formalità, sul parlamento. E' già chiaro che non sarà attraverso il referendum [proposto da Santos lo scorso anno] che si mirava ad imporre per realizzarlo in queste elezioni. Quel tentativo definitivamente si è affondato. Ma ancora si deve trovare una soluzione che concili il senso del governo e delle FARC, ma soprattutto che apra ampi spazi di partecipazione dei cittadini.

La nostra proposta è la Costituente, ma questo è qualcosa da discutere, per farlo convergere con quello che pensa il governo e qualsiasi altra iniziativa che possa dare protagonismo alla sovranità, perché in definitiva è il popolo che deve avere l'ultima parola.


TP: Il prossimo 25 maggio vi sono le elezioni presidenziali in Colombia, quanto dipende da queste elezioni il processo di pace?


Come abbiamo detto poco fa, la pace come proposito superiore dovrà contare su una politica statale e non fare affidamento su congiunture legislative o elettorali o capricci di partiti o governi. Tutti i candidati dovranno essere impegnati con l'obiettivo di portare avanti i dialoghi.

Ci auguriamo che questo sia proprio così, con la consapevolezza che la pace non deve essere di destra o di sinistra, per liberali, conservatori, verdi o comunisti; la pace è un diritto per tutti i colombiani. E deve essere costruita sulle basi della vera democrazia, la giustizia sociale e la sovranità.


TP: Già è definita la figura o il tipo di organizzazione con il quale si agirà politicamente nella vita civile? Quali tattiche - differenti alla lotta guerrigliera - si propongono di sviluppare?

La transizione verso forme di lotta che non richiedono l'uso delle armi dipende dai cambiamenti di fatto che saranno raggiunti in materia di democrazia e redistribuzione della ricchezza; dipende se la Colombia riprende la sua indipendenza e sovranità e se il governo che si stabilisce attende agli interessi popolari.

Questo non accadrà da un giorno all'altro, ma implica che dobbiamo sperimentare, in mezzo alla tregua, nella pratica, che l'impegno dello Stato verso la pace, è vero. Per questo, senza dubbio, si agirà con gli strumenti della lotta politica aperta, in un'ampia convergenza con i settori popolari e democratici del paese che finora il sistema mantiene in una situazione di esclusione o emarginazione. In questo esercizio, sicuramente il nome storico delle FARC manterrà la sua presenza.


TP: La prospettiva reale di porre fine al conflitto ha inciso nella disposizione al combattimento della guerriglia?


Nella coscienza dei guerriglieri delle FARC quello che si inculca, come costante, è che il proposito maggiore della nostra lotta è la pace con giustizia sociale e che le armi sono solo uno strumento per raggiungerla in circostanze difficili, di guerra sporca, di chiusura degli spazi di partecipazione, di terrorismo di Stato e asimmetrie, ma le armi non sono un fine in sé; la cosa più importante sono le finalità per cui lotta la nostra gente, in modo che sia preparata ad agire in qualsiasi campo, con le armi o senza armi. Ricordiamo che le FARC sono un esercito, ma soprattutto, sono un Partito politico rivoluzionario.

TP: Dopo 50 anni di lotta, il progetto politico delle FARC-EP continua ad essere valido e con prospettive di futuro?

Il programma politico delle FARC è assolutamente valido, soprattutto considerando che le cause che generarono il confronto, piuttosto che risolversi, si sono approfondite. Le ragioni per l'utilizzo delle armi si mantengono e speriamo che questi dialoghi pongano le basi per convincerci che in futuro non sarà più necessario il loro utilizzo, ma le bandiere che solleviamo per la terra e il territorio, per la fondazione della democrazia, il cambiamento della politica economica, la difesa della sovranità, ecc., sono in primo ordine della lotta politica, perché sono le principali aspirazioni della maggioranza.

Dopo 50 anni di lotta, non hanno mai avuto così tante possibilità di trionfo le bandiere rivoluzionarie delle FARC.


TP: Come si garantisce la continuità politico-militare delle FARC-EP nella sua direzione?


Questa è un organizzazione politico-militare bolivariana, con struttura organizzativa leninista, che implica la direzione collettiva, l'accumulazione ordinata delle esperienze, la permanenza di scuole di formazione quadri, l'esistenza di strutture centralizzate, una forte democrazia interna, ma anche con significativi livelli di partizionamento che consentono la preparazione e la preservazione di una componente umana di elevata morale, pronta ad assumersi le responsabilità che corrispondano indipendentemente dal fatto che le circostanze siano favorevoli o avverse.

La conduzione delle FARC non è unipersonale in nessuno dei livelli, non si trovano dei signori della guerra e per questo nelle sue strutture di direzione si ottiene un'adeguata preparazione della militanza. Essa si proietta verso tutti i combattenti, che oltre ad agire in squadre, guerriglie, compagnie e colonne militari, funzionano come cellule politiche che danno vita all'esistenza di un Partito rivoluzionario che supera la componente strettamente militare.


TP: Come si coniuga l'ideale bolivariano e la concezione marxista- leninista nelle file delle FARC -EP?


Come marxisti e leninisti abbiamo una formazione che ci dà la convinzione della possibilità reale di conquistare un mondo migliore. Crediamo nella necessità di superare il capitalismo come modo di produzione, attualmente in crisi sistemica e decadenza, che sta mettendo a rischio l'esistenza stessa del pianeta.

E siamo certi che l'alternativa è il socialismo come formazione economico-sociale che mette fine alla mercificazione dell'esistenza, con la sua reificazione e mette in cima alle sue preoccupazioni l'essere umano in armonia con i suoi simili e la natura.

Questo tipo di pensiero coincide pienamente con l'insegnamento dell'ideale del Libertador nel piano della solidarietà umana, il senso della patria e la sommatoria della felicità.

La convergenza di questi due pensieri ci dà il senso di quello che dovrebbe essere l'unità della Nostra America secondo un nuovo ordine sociale che beneficia la maggioranza sociale, soprattutto gli oppressi; per questo la nostra parola d'ordine è Patria Grande e Socialismo, nel miglior senso bolivariano e marxista che possono avere queste categorie.


da www.resistenze.org
Fonte: Tribuna Popular
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Secondo Fronte Colombia Intervista esclusiva alla Delegazione di Pace delle FARC-EP a L'Avana

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.