Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi15953
mod_vvisit_counterUltima settimana160032
mod_vvisit_counterUltimo mese683673

Appello del Partito Comunista delle Filippine

E-mail Stampa

Il Partito Comunista delle Filippine  fa appello alla mobilitazione di massa, al sostegno internazionale per le operazioni di soccorso a seguito del disastro provocato dal tifone Haiyan. Dai compagni dello Slai Cobas per il sindacato di classe riceviamo il comunicato del PCF che pubblichiamo di seguito.


COMUNICATO STAMPA
CPP Information Bureau -  9 novembre 2013

Il PCF fa appello alla mobilitazione di massa, al sostegno internazionale per operazioni di soccorso.
Il Partito Comunista delle Filippine (PCF) oggi ha espresso le sue simpatie ai milioni di persone colpite dal supertifone Yolanda che ha devastato le province di Visayas Centrale e Orientale, Panay, Negros, Masbate, Mindoro, Palawan, e altre isole, così come le zone del Mindanao orientale e sudorientale, del Nord Mindanao e delle province a sud di Luzon.

Allo stesso tempo, il PCF ha fatto appello alla mobilitazione di massa in tutto il paese e all'estero, per generare mezzi di emergenza e fondi per il salvataggio, operazioni di soccorso e riabilitazione. Il PCF ha invitato "coloro che si trovano nelle zone meno colpite dalla tempesta a dare il massimo aiuto possibile alle persone che hanno più bisogno di assistenza."

Ieri, la tempesta tropicale Yolanda (nome internazionale Haiyan) è sfrecciata attraverso le Filippine, lasciando un'immensa distruzione. Yolanda è considerato tra i più forti tifoni che abbia mai colpito la terra, e una delle più potenti tempeste degli ultimi 30 anni.

Il PCF ha detto che tra i settori che sono stati devastati dai forti venti ci sono aree di base rivoluzionaria che rientrano nel campo del governo rivoluzionario provvisorio, e aree di operatività del Nuovo Esercito Popolare e altre delle organizzazioni di massa rivoluzionarie.

Il PCF ha anche sottolineato che molte delle aree devastate dal tifone sono state quelle di recente colpite da forti terremoti in cui le persone erano più vulnerabili ai forti venti e alle piogge.

"Queste aree sono tra le più povere in tutto il paese, dove la maggior parte sono contadini poveri, lavoratori agricoli disoccupati, piccoli pescatori e popoli indigeni" , ha detto il PCF. "Sono stati a lungo abbandonati dal governo reazionario e non saranno tra le sue priorità per l'assistenza".

Il PCF ha detto che è ancora in attesa dei report dettagliati dei suoi comitati locali, così come delle organizzazioni di massa e unità del NEP in queste zone.

[Le donazioni possono essere inviate all'ufficio internazionale del Fronte Democratico Nazionale delle Filippine:
Titolare del conto: NDF ST. INT. Informatie
Numero di conto: 39 45 70 642
Nome Banca: Rabobank
Filiale Banca: Utrecht, Paesi Bassi
IBAN: NL 70 RABO 0394 5706 42
BIC: RABONL2U
Si prega di indicare "Haiyan / Yolanda Relief Funds"
]

 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Secondo Fronte Filippine Appello del Partito Comunista delle Filippine

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.