Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi18097
mod_vvisit_counterUltima settimana145944
mod_vvisit_counterUltimo mese538164

Ampio successo per Lula; perfettamente compatibile con il capitalismo globalizzato

E-mail Stampa

Favelas e cittàIeri, in Brasile, si sono tenute le elezioni amministrative. Ancora una volta si registra un ampio successo per i rappresentanti del Partido de los Trabajadores (Pt) del Presidente Luiz Inácio da Silva (Lula). Il Tribunal Supremo Electoral, secondo quanto riportato dalle agenzie locali, stima che siano stati eletti almeno cinquemila sindaci e 50 mila consiglieri del Pt.

Per quanto riguarda il numero dei votanti, si parla di circa 129 milioni di persone.

Leggi tutto...
 

"AFGHANISTAN, NON VINCEREMO"

E-mail Stampa

 L'autore di questa perentoria constatazione è il generale Mark Carleton - Smith, comandante del contingente britannico in Afghanistan. Il generale ritiene di dover abbassare il livello delle speranze occidentali (alimentate dalla scriteriata sicumera statunitense, n.d.r.) circa l’esito dell’aggressione e occupazione dell’Afghanistan, affermando che il massimo che si può ottenere è un livello di ribellione gestibile potenziando ilo lavoro sul fronte politico piuttosto che su quello militare.

Leggi tutto...
 

LETTERA APERTA AL CORRIERE DELLA SERA

E-mail Stampa

 

Dai compagni dell'Associazione Nuova Colombia riceviamo, e pubblichiamo molto volentieri, queste precisazioni in merito ad un articolo pubblicato sul Corriere della Sera del 24 settembre scorso.

Ottima risposta, siamo con i compagni. 

Roma 01 ottobre 2008

Nell'articolo del 24 settembre apparso sul Vostro quotidiano e
firmato da Coppola Alessandra, si enuncia che, nell'ambito di una
presunta inchiesta aperta a Roma dal sostituto procuratore
Angelantonio Racanelli e coordinata dal procuratore capo Giovanni
Ferrara, in Italia vi sarebbero degli "amici" delle FARC. Siccome
viene menzionata anche la nostra Associazione vorremmo fare alcune,
quanto doverose, precisazioni.

Leggi tutto...
 

E ADESSO? Cosa cambia dopo il conflitto nel Caucaso

E-mail Stampa

 1. E’ vero ciò che ha affermato Putin, per cui il crollo dell’URSS è stata la più grande tragedia geopolitica del ‘900? In un certo senso è vero. Quel crollo ha fatto degli USA l’unica superpotenza, li ha sospinti ad immaginare un mondo ad una sola dimensione, a perseguire una linea unilateralista che pretendeva di fare a pezzi ogni ostacolo sulla via della loro supremazia mondiale.

 

GAZA: AZIONE GLOBALE CONTRO L’ASSEDIO

E-mail Stampa

Il parlamentare palestinese di Gaza Jamal al-Khudari (Jamal capeggiava la delegazione invitata nel maggio scorso in Europa dal Comitato Gaza Vivrà, presidente del Comitato popolare contro l'Assedio) ha annunciato la creazione di una nuova organizzazione internazionale per rompere l'assedio di Gaza. Si chiamerà "Global Action" e comprenderà attivisti di diverse nazioni del mondo. Ieri, durante una conferenza stampa, Khudari ha spiegato che porterà ai palestinesi la solidarietà internazionale. Lunedì, il parlamentare aveva annunciato ad attivisti stranieri, intellettuali e uomini di affari riuniti in un workshop, l'imminente partenza di una nave yemenita diretta nella Striscia e di altre imbarcazioni provenienti da diversi paesi arabi e islamici. Khudari ha sottolineato anche la necessità di "coordinare gli sforzi palestinesi, arabi e internazionali volti a porre fine all'occupazione e all'assedio israeliani", e ha invitato a "collaborare a iniziative popolari e ufficiali, e a usare tutti i metodi e i mezzi pacifici e civili per contrastare e far terminare l'occupazione e l'assedio". Da parte sua, la giornalista e attivista britannica Lauren Booth ha dichiarato in questi giorni che "molte personalità internazionali hanno intenzione di sostenere la campagna contro l'assedio" e che i fondi raccolti ammontano a 300.000 dollari.

Dal Notiziario del Campo Antimperialista del 26 settembre 2008

 

Che gli eventi georgiani siano un buon auspicio per mettere la museruola agli Stati Uniti!

E-mail Stampa

 Dichiarazione Partito Socialista Arabo Baath
3 settembre 2008
In nome di Dio il Compassionevole il Misericordioso
Partito Socialista Arabo Baath - Una naziona araba, con una missione eterna: Unità, Libertà, Socialismo

La nostra nazione araba saluta le masse arabe! Quando il leader martire Saddam Hussei ha annunciato, dopo che trenta paesi invasero l'Iraq nel 1991, che la potenza americana avrebbe iniziato a vacillare subito dopo aver lanciato il suddetto attacco, egli stava leggendo corettamente la realtà, l'esperienza storica, la natura e la storia dell'Iraq.

Leggi tutto...
 

Manifestazione nazionale antirazzista a Roma il 4 ottobre

E-mail Stampa

 «È il momento di reagire alle logiche e ai molteplici atti di razzismo istituzionale e diffuso – che arrivano ad attaccare e mettere in discussione la vita stessa – per vivere meglio ed essere tutti più liberi.Le misure proposte dal governo Berlusconi, che ipotizzano il reato di “clandestinità aggravano e alimentano il razzismo.Il riconoscimento della nostra comune umanità motiva una forte mobilitazione diretta e unitaria per affermare solidarietà e accoglienza per tutti.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 579 di 581

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.