Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi3414
mod_vvisit_counterUltima settimana126958
mod_vvisit_counterUltimo mese864343

Appello internazionale contro l'attacco all'Iran

E-mail Stampa

Firmiamo l’appello dei compagni americani come primo passo per una vasta e unitaria mobilitazione

Pubblichiamo qui sotto l’Appello lanciato qualche giorno fa dal movimento contro la guerra negli Stati Uniti (http://stopwaroniran.org). Anche in Europa possiamo e dobbiamo muovere i primi passi per dire NO alla nuova guerra che USA e Israele preparano con i falsi pretesti coi quali attaccarono l’Iraq.Una conferma che un devastante attacco aereo e missilistico contro l’Iran è imminente l’ha fornita lo stesso ministro degli Esteri italiano Frattini. A Berlino per la conferenza Israele-UE ha infatti pelosamente dichiarato: «Uno 'strike' aereo israeliano sull'Iran? "Sarebbe una catastrofe. Questa è la risposta che noi non vogliamo". Frattini si dice a parole contro l’aggressione (che i ben informati prevedono sarà compiuta da Israele e USA assieme), in realtà, sottobanco, il governo Berlusconi ha fornito a Bush garanzie che l’Italia sarà anche in questo caso a fianco degli aggressori (quindi acconsentendo anche ll’uso delle basi in Italia). Nella medesima conferenza stampa berlinese Frattini ha infatti spiegato «... che Italia e Israele lavorano per arrivare ad avere "un dialogo strategico bilaterale permanente" con incontri periodici e summit dei due governi». Non per niente Frattini si recherà in visita in Israele a luglio dove verranno discussi i termini della cooperazione sul piano politico e militare.
Già nel mese di luglio il movimento statunitense scenderà in piazza. Seguiamo il loro esempio.

LA NOSTRA PROPOSTA E’ QUELLA DI ORGANIZZARE UN PRIMO PRESIDIO ENTRO LA FINE DI LUGLIO SOTTO L’AMBASCIATA IRANIANA A ROMA.

PER COSTRUIRE ASSIEME UNA VASTA MOBILITAZIONE CONTRO LA PROSSIMA GUERRA CONTATTACI

****************************

STOP WAR ON IRAN

Mobilitiamoci ORA per fermare la guerra all'Iran!

«Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi avremo bisogno del vostro aiuto per organizzare e mobilitare un movimento popolare contro un'altra guerra illegale statunitense, basata su altre menzogne riguardo ad "armi di distruzione di massa".
La minaccia effettiva di un tale attacco è stata resa evidente la scorsa settimana, quando il primo ministro israeliano Ehud Olmert, rivolgendosi a una commissione dell'AIPAC (American Israel Public Affairs Committee) a Washington DC, ha dichiarato che il programma nucleare iraniano va fermato "con ogni mezzo possibile". Democratici e repubblicani sembrarono uniti nell'esprimere sostegno incondizionato a questa posizione, presentando lo sviluppo - assolutamente legale - di energia nucleare da parte dell'Iran come una grave minaccia alla "pace mondiale".
Questa minaccia ben coordinata è salita di livello dopo che Olmert è tornato in Israele dai suoi incontri statunitensi. A poche ore dal suo rientro, il vicepremier Shaul Mofaz ha definito la guerra contro l'Iran "inevitabile". Il primo ministro Olmert ha poi soffiato sul fuoco, facendo eco a Bush nel dichiarare che "tutte le opzioni, compresa quella militare, devono restare sul tavolo". Il viaggio di Bush attraverso le capitali europee è stato impostato sulla stessa linea minacciosa contro l'Iran.

Nel frattempo, il 28 maggio Asia Times Online ha scritto che l'amministrazione Bush sta pianificando di lanciare un attacco areo contro l'Iran nei prossimi due mesi. Secondo l'articolo, due importanti senatori informati sull'attacco, Dianne Feinstein, democratica della California e Richard Lugar, repubblicano dell'Indiana, intendono dichiarare pubblicamente la loro opposizione all'attacco, ma l'articolo previsto sul New York Times non è ancora uscito.
Anche l'ex ministro degli Esteri tedesco, Joschka Fischer, il primo giugno ha avvertito il quotidiano israeliano Haaretz che Bush e Olmert sembrano aver preventivato di porre fine al programma nucleare iraniano "con mezzi militari piuttosto che diplomatici".
L'unica possibile opposizione alla crescente minaccia di una nuova guerra può venire dalla popolazione, non dai politici. E' essenziale che prendiamo sul serio questa minaccia e cominciamo a mobilitarci ora.
Stop War On Iran è stata la prima campagna popolare internazionale lanciata per opporsi alle intenzioni guerresche dell'amministrazione Bush. Dal suo lancio in 2005, ha generato più di mezzo milione di petizioni inviate a politici eletti e media. Abbiamo tenuto incontri in giro per gli Stati Uniti e portato i nostri manifesti e i nostri scritti a dozzine di raduni antiguerra locali e nazionali.

Ma è chiaro che dobbiamo fare di più. In questo momento il movimento popolare non può rimanere in silenzio. Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, dobbiamo fare tutto ciò che possiamo per mobilitarci per fermare un'altra guerra criminale per il petrolio. Abbiamo bisogno del vostro aiuto - per favore firmate la petizione che trovate qui ; fatela circolare tra gli amici, i colleghi, i compagni di classe; stampatela e portatela in ogni centro d'aggregazione. Firmate la petizione!»

21 giugno 2008

 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Primo Fronte Iran Appello internazionale contro l'attacco all'Iran