Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi4634
mod_vvisit_counterUltima settimana107916
mod_vvisit_counterUltimo mese619062

Gerusalemme

E-mail Stampa

La Città Santa simbolo dell'oppressione sionista

Ai sionisti l'occupazione non basta più. Adesso vogliono privare i palestinesi del diritto di accedere ad uno dei luoghi sacri dell'Islam, la Spianata delle moschee. La brutalità delle misure prese dagli occupanti - installazione di metal detector e divieto di ingresso per gli under 50 - ha ovviamente scatenato la protesta palestinese, a Gerusalemme ma non solo.

Manifestazioni si sono tenute ieri in diversi centri della Palestina, tra i quali Ramallah, Betlemme, Nablus, Tubas, Qalqilia, Tulkarem, Hebron, Gaza, oltre che a Gerusalemme. La repressione israeliana è stata, come sempre, violentissima: 3 giovani palestinesi uccisi ed oltre 200 feriti, questo il bilancio della giornata di ieri. Di seguito un breve resoconto ripreso da InfoPal.


Dimostrazioni e scontri a Gerusalemme Est: 3 Palestinesi uccisi e oltre 200 feriti dalle forze israeliane (InfoPal)

Betlemme-Ma’an, PIC e Quds Press. Venerdì pomeriggio, tre giovani Palestinesi sono stati colpiti e uccisi a Gerusalemme Est, durante una massiccia protesta contro le misure di “sicurezza” decise da Israele nel complesso di al-Aqsa.

Si tratta di Mohammad Sharraf, 17 anni, Mohammad Abu Ghanam, 20 anni, Mohammad Lafy.

Le forze israeliane hanno violentemente represso la manifestazione a Gerusalemme Est, e altre marce di solidarietà in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza sotto assedio. La Mezzaluna Rossa palestinese ha reso noto che 170 palestinesi sono stati feriti a Gerusalemme Est e in Cisgiordania, nella giornata di venerdì.

Un colono israeliano appostato sul tetto di un edificio, ha aperto il fuoco contro fedeli in preghiera a Ras al-Amud, colpendo Mohammed Mahmoud Sharaf al collo e uccidendolo all’istante. Abu Ghanam è stato colpito dai soldati israeliani durante una manifestazione a al-Tur, ed è morto per le ferite all’ospedale al-Makassed.

Il check-point di Qalandiya è stato testimone di scontri violenti, prima e dopo la preghiera del Venerdì. Oltre 3.000 palestinesi hanno eseguito la preghiera comunitaria nei pressi del checkpoint israeliano dopo che l’accesso alla moschea al-Aqsa è stato vietato da Israele, domenica scorsa. La polizia israeliana ha sparato proiettili letali, gas lacrimogeni e pallottole rivestite di gomma contro i palestinesi che protestavano  contro le nuove misure. Almeno dieci persone sono rimaste ferite negli scontri a Qalandiya.

Violenti scontri sono esplosi anche a Bab al-Asbat, nella Città Vecchia, nell’area di Bab al-Amud, di al-Majlis e Wadi al-Joz.

In un comunicato stampa divulgato nella mattina di venerdì, la polizia israeliana aveva dichiarato di aver potenziato il numero di truppe dentro e intorno a Gerusalemme, in particolare nella Città Vecchia e nella moschea al-Aqsa, dopo che i palestinesi hanno organizzato la “Giornata della rabbia” contro le misure di sicurezza israeliane presso il sito sacro islamico. La polizia ha aggiunto che a tutti i palestinesi al di sotto dei 50 anni è vietato l’accesso nella Città Vecchia e nella Moschea al-Aqsa.

A Hebron (al-Khalil), decine di migliaia di persone hanno manifestato per al-Aqsa, e altrettante nella Striscia di Gaza.






 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Primo Fronte Terra di Palestina Gerusalemme

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.