Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi5123
mod_vvisit_counterUltima settimana104028
mod_vvisit_counterUltimo mese488503

Germania: scissione nella Linke?

E-mail Stampa

La tedesca Sahra Wagenknecht, esponente assieme a Lafontaine dell'ala sinistra della Linke, il 4 agosto, ha lanciato un nuovo movimento, Aufstehn (Alzarsi) che si ispira a quello di France Insoumise(Nella foto Sahra Wagenknecht e Oskar Lafontaine)

Dopo che le sinistre tedesche sono uscite distrutte dalle elezioni del 2017, Sahra Wagenknecht  (S.W.) [esponente di spicco dell'ala sinistra della Linke, Ndr] ha lanciato il 4 agosto Aufstehn (Alzarsi), un movimento basato sul modello degli Insoumis o di Podemos. La militante su euro e migranti, esprime delle posizioni che rischiano di sfaldare il suo elettorato tradizionale [l'accoglienza indiscriminata è insostenibile, NdR].

Annunciato già da qualche mese, il movimento tedesco della sinistra contestataria è nato definitivamente questo sabato tramite l’apertura di un sito internet in cui chiunque può inscriversi per diventarne membro. Alla testa c’è S.W. Copresidente nel Bundestag del gruppo Die Linke, quinta forza parlamentare. Con i suoi 69 parlamentari, il gruppo della sinistra radicale tedesca, si è ritrovato in pessime acque dopo le elezioni legislative del settembre 2017, dietro i conservatori del CDU/CSU, i socialdemocratici del SPD, l’estrema destra del AfD ed i liberali della FDP.

Con la creazione di questo nuovo movimento, S.W. spera di far tornare gli elettori tradizionali di sinistra che si sono astenuti o che si sono spostati verso l’estrema destra. Nata nel 1969, dall’altra parte della cortina di ferro, questa donna, economista di formazione, incarna la frangia più radicale di Die Linke. Il movimento che ha lanciato, è comunque indipendente dal partito e non è destinato, secondo lei, a fargli concorrenza.

Tra le fila di Aufstehen ritroviamo, per altro, figure appartenenti alla SPD. E’ un movimento che intende superare la logica dei partiti tradizionali. “L’obiettivo del Movimento è fare pressione sui partiti tradizionali per obbligarli, in primis la SPD, ad adottare politiche più sociali” ha spiegato in un’intervista a Mediapart rilasciata a maggio. Secondo Der Spiegel, all’interno ci sarebbero anche esponenti della cultura e della ricerca comne il regista B. Stegemann o l’economista W.Streeck. Altro sostegno, più politico, viene dalla figura di primo piano dell’ecologista Antje Vollmer ex vicepresidente del Bundestag, secondo il Der Tagesspiegel.

Perché creare questo movimento oggi?


“Vogliamo promuovere i valori di uno stato più sociale, salari più elevati e più giusti, una politica estera europea autonoma, una politica del disarmo ecc…”. Più in generale la parlamentare vuole difendere una politica “di uno stato che difenda la gente da un capitalismo sfrenato, da una mondializzazione pilotata dalle multinazionali a da una concorrenza acuita dal dumping sociale”. “Vogliamo uno stato che porti avanti una politica più attiva per la parte più svantaggiata della popolazione”, S.W. non si nasconde, segue il modello lanciato da J. Mèlenchon per France Insoumise.

«Quello che Mèlenchon ed i suoi amici hanno raggiunto è impressionante” ha dichiarato al nostro corrispondente a Berlino, “il nostro partito ha sempre avuto posizioni in comune con FI, ma loro raggiungono un elettorato molto più ampio del nostro. Vogliamo fare la stesa cosa».

Con la creazione di questo movimento, la deputata tedesca lancia una battaglia interna che la oppone, tra gli altri, a Kaja Kipping la copresidente di Die Linke, (che Mediapart aveva incontrato nel maggio 2016) che si era avvicinata al movimento dell’ex ministro greco Varoufakis, il DiEM25. S.W. prende le distanze da questo raggruppamento favorevole ad un federalismo europeo più spinto a risolvere le crisi del continente. “Sono favorevole ad una Europa che riunisca democrazie sovrane” ha chiarito sempre in un’intervista a Mediapart.

Altri punti di disaccordo su cui S.W. porta delle precisazioni: la politica di accoglienza dei rifugiati portata avanti da A. Merkel, verso la quale si mostra critica a rischio di litigare con una parte dell’elettorato di Die Linke, e la Zona euro, sulla quale si avvicina alle posizioni di Mélenchon (“Bisogna essere pronti a porre in atto un nuovo sistema che permetta una svalutazione delle monete per offrire una maggiore flessibilità” ci ha detto a maggio).

Nel frattempo Die Linke non sembra essere scosso dall’iniziativa della deputata. “L’iniziativa è diretta verso i simpatizzanti delusi da altri partiti, ha dichiarato B. Riexiger, il copresidente del partito, venerdì. “Non credo che questa iniziativa avrà delle conseguenze sostanziali su Die Linke”. Da parte sua D. Bartsch, che assicura con S.W. la copresidenza del gruppo parlamentare e si era mostrato scettico verso il suo progetto, ha espresso finalmente il suo consenso “Esiste una cultura combattiva di destra, ha dichiarato a Spiegel, è possibile che rappresenti una possibilità per rafforzare la sinistra politica nel suo insieme e di ritrovare delle maggioranze parlamentari” E’ prevista una campagna per promuovere il movimento che partirà a settembre.


Fonte: Amèlie Poinssot in Mediapart.fr, 6 agosto 2018
Traduzione a cura di sollevAzione



 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.