Francia

Nizza

Quanto accaduto ieri sera a Nizza è semplicemente orribile. Raccapricciante come tutte le morti violente di persone innocenti. Ma se la condanna dello stragismo dev’essere ovviamente ferma e senza appello, alcune riflessioni si impongono.

Francia: scioperi, blocchi e coerenza

Il Primo Ministro, il governo e la stampa subalterna si scatenano contro la CGT e qualificano gli scioperi che coinvolgono le raffinerie di “terrorismo sociale”. Il discorso tenuto da Manuel Valls è in totale contraddizione con quello che egli tenne nel 2010. Verità nell’opposizione, errore nella maggioranza…

Francia bloccata contro il Jobs act

In atto il blocco della produzione nei diversi settori industriali. I sindacati pronti a paralizzare la Francia. È in arrivo l’ottavo sciopero generale e nazionale

Il Front National contro Nuit Debout (come volevasi dimostrare)

Non sono pochi i “sovranisti” italiani che simpatizzano per il Fronte Nazionale di Marine Le Pen. Non si tratta solo dei salviniani. Ci sono, ad esempio, quelli che dicono “Non m’importa chi ci farà uscire dall’euro”, o coloro che dicono che la dicotomia destra-sinistra è morta e sepolta. Su quale sia la natura politica reazionaria del […]

Nuit Debout: forza e limiti di un movimento trasversale

Perché ci occupiamo tanto di quel che sta accadendo in Francia? Semplice! Perché riteniamo che prima o poi anche in Italia scenderà in campo un movimento popolare e spontaneo simile a quello francese, che a sua volta segue le orme di quello spagnolo degli indignados. Siamo in presenza, per chi la sa intravedere, di una tendenza di […]

Francia: scintille di sollevazione

L’ondata di mobilitazioni contro il «Jobs act francese» Vergognoso il silenzio dei media italiani…Un’ondata di mobilitazioni, per certi versi una vera e propria sollevazione sociale incipiente, è in corso in Francia contro il tentativo del governo e di Hollande di liberalizzare il mercato del lavoro — quello che è stato definito il “Jobs act francese”.

“Piano B”: resoconto del Summit di Parigi

Come avevamo scritto, una delegazione di Programma 101 si è recata a Parigi lo scorso fine settimana per partecipare ai lavori del summit del cosiddetto “Piano B”. Qui sotto il racconto dei nostri compagni.[Nella foto Oskar Lafontaine che apre i lavori]

Francia: il 2017 è lontano

E’ andata come previsto. Il voto “contro”, esaltato dal sistema elettorale a doppio turno, ha assicurato una grigia vittoria ai “repubblicani” ed ai loro alleati. E’ un voto che mette in luce i limiti dell’avanzata del Front National, che conferma un notevole spostamento a destra dell’elettorato francese, che mostra un Paese assai confuso circa le […]

Da Parigi a Caracas: quando la reazione avanza…

Caracas. Fuochi d’artificio, petardi, grida di soddisfazione: è un’esplosione di gioia che ha salutato i risultati delle elezioni parlamentari nella capitale Caracas. I sondaggi non hanno sbagliato. Dopo sedici anni di vittorie ininterrotte, il Partito Socialista Unificato del Venezuela (PSUV) ha subito una pesante legnata elettorale, consegnando all’opposizione la maggioranza parlamentare.