Quadrante - Europa

La sinistra c’è o ci fa?

Ogni volta che una persona di sinistra afferma che l’Unione europea così com’è non va bene, ma la soluzione non è uscirne, la si deve cambiare dall’interno – rendendola più democratica, una coesione di popoli e di ideali, sociale e politica e non solo economica e monetaria, l’Europa del welfare e degli investimenti produttivi e […]

Voi due: fatela finita!

Pare che Berlusconi abbia teso una trappola a Salvini. Pare che ieri mattina il puttaniere gli abbia assicurato un “appoggio esterno” ad un governo con i Cinque Stelle. Così Salvini comunica questa “disponibilità” a Di Maio il quale, tutto contento, va dalla Casellati, che invece gli comunica che né i forz’italioti né i fratellastri d’Italia […]

No inciuci! Ci vediamo sotto il Parlamento!

Un Comitato di Liberazione Nazionale per  un “governo costituzionale di salute pubblica” Il 13 aprile scorso IL FATTO QUOTIDIANO pubblicava un Appello a firma di Ugo Mattei e Alberto Lucarelli.QUI l’intervista ai due autori.

Fermare la guerra: mobilitazioni in corso

Informiamo i nostri lettori della capitale, invitandoli a partecipare, che si svolgerà oggi a Roma, a partire dalle ore 15.00 in Piazza Vidoni, un presidio contro la guerra. Il presidio è promosso da varie forze tra cui Potere al Popolo. Dopodomani, Giovedì 19 aprile, se ne svolgerà un altro promosso dal sindacalismo di base. Concentramento […]

Germania: la CDU vuole bloccare l’unione di trasferimento

Il gruppo parlamentare della CDU al Bundestag manda un messaggio chiaro al governo: non c’è una maggioranza per le riforme europee proposte da Macron, l’unione di trasferimento resta politicamente insostenibile e al Bundestag non passerà. Merkel è avvisata. Le riforme proposte dal presidente francese sempre più destinate al fallimento. Ne parla la Süddeutsche Zeitung

Un lavoro da sbirri

DOSSIERAGGIO INFAME Ci aveva pensato già Moreno Pasquinelli su questo blog a mettere in chiaro che quella del rossobrunismo, oltre ad essere « una insidiosa volgarizzazione politica», era «uno spauracchio costruito ad arte da ben identificati settori dell’intellighentia italiana (in combutta con l’intelligence atlantista)», allo scopo di «isolare quei movimenti rivoluzionari di sinistra che essi ritenevano pericolosi».

Né Soros né Viktor Orban

Con un’affluenza alle urne senza precedenti Fidesz (Unione Civica Ungherese) il partito di Viktor Orban ha stravinto le elezioni in Ungheria.

Nazionalizzare Alitalia: grande convegno a Roma

Il governo Gentiloni-Calenda aveva rimandato lo spacchettamento e la vendita di Alitalia a dopo le elezioni. Troppo rischioso, data la macelleria che implicava, farlo a ridosso delle urne. A poco è servito. Il Pd ha preso la meritata e auspicata (anche dalla gran parte dei lavoratori Alitalia) batosta.

Il pericoloso errore di Aldo Giannuli

Aldo Giannuli ha dunque salutato il Movimento Cinque Stelle. Per la verità la scelta non sorprende vista la sua dichiarazione di voto del febbraio scorso. Dichiarazione pittoresca assai, visto l’annuncio di un voto simultaneo a Potere al Popolo (alla Camera), di uno a M5S (Senato), di un terzo nientemeno che a Liberi e Uguali (Regione […]