Bahrein: una rivolta oscurata

Quella nel piccolo regno del Golfo è stata la “primavera” più partecipata di tutte, eppure la più censurata, dice A.Z., italiano, appena ritornato da Manama dove lavora e che non può rivelare la sua piena identità per motivi di sicurezza. Una sollevazione di massa schiacciata dai carri armati, invasori per giunta!