Bruxelles

(Nella foto l’aeroporto di Bruxelles subito dopo l’attentato) Dopo gli attentati di novembre a Parigi facile era stata la “profezia” che altri attacchi avrebbero colpito le città europee.

Brexit at the door

Il vertice dei primi ministri dell’Unione europea ha discusso ieri, anzitutto, su come sventare l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. Si è concluso con un accordo che, per quanto abborracciato, consente in effetti a David Cameron di cantare vittoria.

Brexit?

L’Inghilterra fa sul serio od è soltanto un gioco delle parti? Dunque Cameron ha fatto la sua mossa. Volete che la Gran Bretagna resti nell’Unione Europea? Bene, preparatevi a diverse concessioni di sostanza. Questo è il senso della letterina partita ieri da Londra alla volta di Bruxelles. Alcune delle richieste contenute nella missiva paiono ben […]

Catalogna

Domenica prossima la Catalogna va al voto. Secondo alcuni si tratterà del classico “salto nel vuoto”. Formalmente si andrà alle urne per eleggere il parlamento catalano (parlament de Catalunya), ma la consultazione sembra assai più simile ad un plebiscito sull’indipendenza. E la cosa pare seria assai.

Grecia: come liberarsi dal cappio europeo

Il nulla di fatto della riunione dell’Eurogruppo e le mosse obbligate del governo di Atene Partiamo dai dati politici:1. Alla riunione di ieri a Bruxelles la Grecia si è trovata completamente isolata. 2. Chiara la volontà degli eurocrati di umiliare il governo di Atene. 3. Quest’ultimo, però, non sembra avere alcuna intenzione di capitolare. 4. […]

Devianti

La letterina di Bruxelles: un antipasto, tanto per cominciare… Dunque, come avevamo previsto, all’Europa le argomentazioni renzian-padoane non sono bastate. «Le regole vanno rispettate», è questo il concetto ripetuto a chiare lettere nella missiva inviata dal commissario Katainen al governo di Roma. Missiva che doveva rimanere riservata, e che invece è stata pubblicata sul sito […]

Balle fiscali e bolle mediatiche

Le bugie di Letta e il «pilota automatico» dell’Europa. Intanto avanza, sullo sfondo, il modello cipriota Presentando alla stampa la cosiddetta «Legge di stabilità», Enrico Letta ha detto almeno due bugie: che la pressione fiscale calerà, che non vi saranno tagli alla spesa sociale. Come mai tutto, all’improvviso, abbia virato verso il «bello», è un […]

Dalla Siria: né tirannia né intervento straniero

Molte componenti delle opposizioni al regime di Bashar al-Assad, sia islamiche che laiche, esultano davanti alla terribile minaccia di un’aggressione unilaterale degli Stati Uniti. Le componenti democratiche, socialiste e antimperialiste dell’opposizione, invece, dicono no. Tra queste il Coordinamento siriano per il Cambiamento Democratico di Haitam Manna (nella foto).

L’allegra brigata degli europeisti anti-tasse

Sogni e realtà del governo Letta il nipote(con alcune annotazioni sul DEF che oggi arriva in parlamento) Puntuali come le piogge di primavera, le prime capocciate le hanno già battute. E sono arrivate dall’amata Europa. Per la quale si deve soffrire, sempre essendo disponibili a morire, come esplicitato nel titolo di un libro del 1997 […]

Ma quanto ci conviene l’Europa!

A proposito del bilancio della (dis)Unione Europea A volte, parlando della necessità di rompere con l’Unione Europea, ci è capitato di imbatterci con il seguente argomento: «si, d’accordo, l’UE ha tanti difetti, ma se usciamo perderemo anche quei finanziamenti che da lì arrivano al nostro paese».