Siria: perché Obama tifa per Putin

Il conflitto siriano sembra giunto ad un tornante decisivo. Con l’intervento russo avremo due sole possibilità: o la guerra fratricida degenera in un vero e proprio conflitto regionale oppure la spunta Putin obbligando tutti a fare fronte per schiacciare il “nuovo nazismo” islamico — e solo dopo sbarazzarsi dell’ingombrante Assad.

Troppe ipocrisie. L’Occidente non dà risposte al Medio Oriente

La Grande Guerra Mediorientale non si ferma: in Siria, Iraq, Yemen e Libia si combatte praticamente senza tregua. Mentre le petromonarchie del Golfo hanno ormai iniziato l’invasione dello Yemen, Francia e Gran Bretagna sembrano sul punto di bombardare la Siria. La Turchia, intanto, sconfina in Iraq per attaccare i curdi del Pkk. Sulla complessa situazione […]

Yemen, morti 22 soldati degli Emirati

Nel confronto a distanza tra Riad e Teheran sono gli yemeniti a pagare il prezzo più alto. Oggi 22 soldati degli Emirati Arabi sono morti, mentre partecipavano alle operazioni della coalizione anti-Houthi. E del conflitto cerca di approfittare l’Isis.

Non di solo nucleare si tratta (2) – Dopo Losanna, Vienna

L’accordo Usa-Iran e il caos mediorientale L’accordo-bomba sul nucleare iraniano venne annunciato agli inizi di aprile. L’impegno era quello di perfezionarne i contenuti entro il 30 giugno. Sono state necessarie due settimane in più, ma la sostanza non cambia. Alla fine i negoziatori statunitensi ed iraniani, con il contributo attivo dei russi – le altre […]

Libia: Tobruk dice no al piano Onu

I repentini punti segnati dal califfato negli ultimi giorni fanno da cassa di risonanza al fallimento della diplomazia. Tra chi smania per intervenire c’è il premier italiano Renzi che al G7 ha ritirato fuori dal cilindro l’opzione militare come soluzione agli sbarchi di rifugiati disperati

Dopo Ramadi, Palmira

La sconfitta dell’esercito siriano a Palmira si aggiunge a quella, rovinosa, dell’esercito iracheno a Ramadi, conquistata nei giorni scorsi dallo Stato Islamico Le notizie che giungono in queste ore dalla Siria non lasciano adito a dubbi. Mentre, come riferivamo l’altro ieri, un primo attacco jihadista era stato respinto nei giorni scorsi, oggi appare chiaro come […]

Ramadi

Le alterne vicende della Grande Guerra Mediorientale Le truppe del Califfo, al momento respinte nella città siriana di Palmira, hanno avuto invece la meglio nell’irachena Ramadi. Le vicende che hanno portato a questo esito, ed i movimenti politici e militari che lo accompagnano, spiegano una volta di più la complessità del conflitto in corso.

Medio Oriente in fiamme

Aden, Damasco, Idlib, Tikrit: i tanti fronti della Grande Guerra Mediorientale Breve premessa. Mentre scrivevamo questo articolo – dedicato ai tanti sviluppi di quella che chiamiamo Grande Guerra Mediorientale – è arrivata la notizia dell’accordo di Losanna sul nucleare iraniano. Un fatto che potrebbe avere conseguenze geopolitiche di primaria importanza ed un impatto non secondario […]

Atrocity exhibition

Sulla complessa situazione in Medio oriente pubblichiamo questo articolo dei compagni del LUPO (Lotta di Unità Proletaria – Osimo), uno sguardo piuttosto ampio ad uno scenario di guerra che negli ultimi giorni – con i ripetuti bombardamenti dell’aviazione giordana sulle postazioni dell’Isis in Iraq – tende ad allargarsi ulteriormente.

Che schifezza!

Su La Repubblica del 3 febbraio campeggiava un articolo con questo agghiacciante titolo Mosul: migliaia di libri al rogo, arrestato libraio che vendeva volumi cristiani. Si sarebbe trattato di un crimine deciso dalle autorità del califfo Abu Bakr al-Baghdadi [nella foto].