Cosa accadrà adesso?

Cresce in Europa l’interesse per le vicende italiane dopo le elezioni europee. Cosa accadrà adesso? Ci saranno elezioni anticipate? Quali sono le vere intenzioni del governo giallo-verde riguardo all’Unione europea? Davvero saranno lanciati i MiniBoT? Reggerà l’alleanza M5s Lega? Di che natura è il populismo di Salvini?A queste ed altre domande poste dal sito in […]

Grecia: il disastro e il ruolo di Syriza

Proseguiamo presentando ai lettori le relazioni svolte al convegno internazionale EUREXIT, svoltosi a Roma il 13 aprile scorso. Qui sotto quella del compagno greco Koutsianas Pantelis, dirigente di PAREMVASI e attivista di Unità Popolare.

Eurexit alle porte

Siamo oramai alle porte di EUREXIT QUALI STRATEGIE PER LA LIBERAZIONE,promosso da Programma 101 assieme al Coordinamento internazionale No Euro.

EUREXIT – Roma 13 aprile: ecco chi ci sarà

EUREXIT Quali strategie per la liberazione Sabato 13 aprile – Roma Centro Congressi Cavour (via Cavour 50/a) Registrazione obbligatoria: p101@programma101.org – tel: 328 92 09 449

EUREXIT – Roma 13 aprile: incontro internazionale

In collaborazione col Coordinamento internazionale NO EURO, Programma 101 organizza un incontro che si svolgerà sabato 13 aprile a ROMA presso il Centro Congressi Cavour, con inizio alle ore 9. I lavori termineranno alle 19:30.

EUREXIT: Quali strategie per la liberazione?

ROMA – SABATO 13 APRILE 2019 Nessun organismo geopolitico può evitare il collasso se, invece di armonizzare le nazioni, ne accentua i contrasti, scavando un solco tra paesi di serie A e di serie B, tra nazioni imperialiste e nazioni a sovranità limitata. Nessun sistema economico può sopravvivere se, invece di creare eguaglianza sociale e […]

In rotta di collisione

Quando pensammo, nell’estate scorsa, all’incontro che si svolgerà a Roma il 13 ottobre — ne approfittiamo per salutare Francesca Donato, di Eurexit, che si aggiunge agli altri ospiti: Luciano Barra Caracciolo, Sergio Cesaratto, Alfredo D’Attorre, Stefano Fassina, Massimo Garavaglia, Antonio Maria Rinaldi e Marco Zanni — sapevamo che sarebbe “caduto a fagiolo”.