Evo Morales: le ragioni del trionfo

La schiacciante vittoria di Evo Morales ha una spiegazione molto semplice: ha vinto perché il suo governo è stato, senza alcun dubbio, il migliore della convulsa storia della Bolivia. “Migliore” vuol dire, ovviamente, che ha fatto realtà della grande promessa, tante volte non realizzata di ogni democrazia: garantire il benessere materiale e spirituale delle grandi […]

Il regime di Obama

E’ una pratica profondamente radicata che i governi che si oppongono alla dominazione statunitense siano abitualmente qualificati come “regimi” dai grandi mezzi di comunicazione dell’impero, intellettuali colonizzati della periferia e da quelli che il grande drammaturgo spagnolo Alfonso Sastre ha magistralmente definito “intellettuali benpensanti”.

Implicazioni geopolitiche dell’ingresso della Colombia nella NATO

L’annuncio del presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, che “in questo mese di giugno verrà sottoscritto un accordo di cooperazione con l’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO) per dimostrare la sua volontà di farne parte”, ha suscitato un prevedibile grande scalpore nella Nostra America.

Bolivia: Morales si riprende la rete elettrica. Dalla Spagna

Dopo l’Argentina, ora anche la Bolivia si riprende ciò che era suo e che i governi corrotti e subalterni avevano regalato alla Spagna. Morales ha decretato la nazionalizzazione della rete elettrica finora gestita da un’impresa di Madrid.

Il discorso di Evo

Le riflessioni di Fidel Ci sono momenti nella storia che hanno bisogno di un discorso, sebbene così breve come l’Alea jacta est di Giulio Cesare, quando attraversò il Rubicone. Quel giorno era necessario attraversarlo, proprio mentre i Ministri della Difesa degli Stati sovrani dell’emisfero occidentale erano riuniti nella città di Santa Cruz, dove gli yankee […]

Bolivia e alternativa socialista. Quando l’indigenismo è questione di classe

1. Indipendenza, rappresentanza politica e potere di classeLa sinistra eurocentrica continua a guardare all’America Latina solo in funzione delle opportunità di mercato che offre e mai per i chiari messaggi politico-sociali che invia, cioè il gran potenziale dei movimenti sociali che sono stati in grado, ad esempio in Bolivia, Venezuela, Ecuador, oltre alla tenuta storica […]