Francia: il voto, la crisi, il futuro

Il consolidarsi dei risultati del secondo turno delle elezioni legislative mostra ancora di più l’ampiezza con cui si è manifestato il rifiuto del voto. Se si sommano astensione, schede bianche e schede nulle – voti, questi ultimi, in forte aumento dal primo al secondo turno (da 500.000 a 2 milioni) – si supera il 61,5%, […]

Apologia di Mélenchon

A proposito del ballottaggio del 7 maggio “Francia, i mercati già festeggiano Macron” (Il Corriere della Sera); “I mercati puntano su Macron” (il Sole 24 Ore); “After French Vote, Mainstream Europe Breathes a Sigh of Relief” (The New York Times): così gli organi del capitalismo globale festeggiano lo scampato pericolo: dopo l’elezione di Trump, la […]

Il fumo e l’arrosto di Bratislava

A proposito della strappo tra Renzi ed il duo Merkel-Hollande all’ultimo vertice UE Sul Corriere della Sera di ieri Federico Fubini, trascurando comprensibilmente l’inutile Hollande, si è occupato dei rapporti tra Renzi e Merkel dopo il vertice UE di Bratislava. Il suo parere è che tra i due capi di governo sia in atto un […]

Che ci fate a Ventotene?

«Un giorno, che prima verrà meglio sarà per i popoli europei, occorrerà riportare Merkel, Hollande e Renzi, proprio a Ventotene, ma quando ne avremo fatto nuovamente una colonia penale — ovviamente nel pieno rispetto dei diritti del prigioniero».

Francia bloccata contro il Jobs act

In atto il blocco della produzione nei diversi settori industriali. I sindacati pronti a paralizzare la Francia. È in arrivo l’ottavo sciopero generale e nazionale

Niente bocciature… che già abbiamo tanti guai

Le “pagelle” dei commissari europei e il futuro della “flessibilità” di Renzi Alla fine sono arrivate le Raccomandazioni-Paese. Non ridete, si chiamano proprio così nel burocratese ufficiale della Commissione che ha il compito di emetterle annualmente. La stampa, che ama volgarizzare, le definisce invece “pagelle”. Già questa terminologia la dice lunga sia sulla natura che […]

Francia: scintille di sollevazione

L’ondata di mobilitazioni contro il «Jobs act francese» Vergognoso il silenzio dei media italiani…Un’ondata di mobilitazioni, per certi versi una vera e propria sollevazione sociale incipiente, è in corso in Francia contro il tentativo del governo e di Hollande di liberalizzare il mercato del lavoro — quello che è stato definito il “Jobs act francese”.

Lo spacciatore di Francoforte

La droga finanziaria del Quantitative easing (Qe) non funziona, ma dà dipendenza. E siccome uscirne è maledettamente difficile, aumentarne la dose è la tipica risposta di chi non sa più a quale santo votarsi. Questa, in breve, la dinamica che ha portato alle decisioni della Bce, annunciate ieri da Draghi.