Austria: la valanga reazionaria e le sue cause

Elezioni presidenziali: lavoratori di destra contro borghesia di sinistra?Sulla perdita di consenso del regime neoliberale Il primo turno delle elezioni presidenziali è stato, nelle dimensioni in cui è avvenuto, uno shock inaspettato per la Grande Coalizione di governo composta da socialdemocratici (SPÖ, Partito Socialdemocratico d’Austria) e democristiani (ÖVP, Partito Popolare Austriaco).

Il regime austriaco regge ma esce indebolito dalle elezioni

Le classi subalterne rafforzano l’opposizione sociale, ma purtroppo in senso sciovinista Primo: il sistema dominante tiene ma perde consensi.Secondo: la protesta elettorale, che pur c’è stata, rimane entro il recinto sistemico. Terzo: uno slancio anti-sistemico, sociale e rivoluzionario, continua ad essere un pio desiderio.