La portata strategica del conflitto libico

LA GUERRA CIVILE LIBICA CONTINUAZIONE DI QUELLA YEMENITA Haftar, ospite l’altro giorno a Roma del premier Giuseppe Conte, ha manifestato la volontà di voler continuare l’azione militare contro il Governo di unità nazionale guidato da Fayez al-Sarraj.

Chi è Haftar?

Il ritratto di Alberto Negri sul generalissimo “americano” traditore di Gheddafi che piace anche ai russi

Libia: i crimini (e gli interessi) di Sarkozy

Esattamente sette anni fa scattava l’aggressione alla Libia. Sarkozy non fu l’unico colpevole di quel crimine, ma certo ne fu il primo responsabile. Adesso “Sarkò l’africano” è stato messo sotto accusa dalla magistratura d’oltralpe per i finanziamenti avuti da Gheddafi in occasione delle presidenziali 2007. Certo, per il neo-colonialismo francese, quella guerra ebbe tante motivazioni, […]

Macron-Libia: la Rothschild Connection

«Ciò che avviene oggi in Libia è il nodo di una destabilizzazione dai molteplici aspetti»: lo ha dichiarato il presidente Emmanuel Macron celebrando all’Eliseo l’accordo che «traccia la via per la pace e la riconciliazione nazionale». (Nella foto Macron con al Serraj e il generale Haftar)

Ultime dalla Libia

Come sempre in Libia, le cose non sono affatto chiare. Cosa è successo esattamente ieri? C’è stato davvero un tentativo di prendere i palazzi del potere nella capitale da parte delle forze dell’ex premier tripolino al-Ghwell? La risposta sembrerebbe essere: sì e no. Sì, perché le sue milizie sono effettivamente entrate negli edifici dei ministeri […]

Libia, i predoni imperialisti all’opera

Confermato quel che sapevamo: Forze speciali italiane sono presenti da tempo sul terrenoSi parla di Sirte, ma si lotta per il petrolio Siamo all’undicesimo giorno della campagna aerea americana su Sirte. Alcuni osservatori ritengono che l’assalto finale alla città sia imminente. Ad oggi, però, la resistenza dei combattenti dell’Isis, che da lungo tempo fronteggiano i […]

Libia: perché e per chi Renzi va in guerra?

Il di solito molto ben informato (riguardo alle diaboliche trame di palazzo) Carlo Bonini, scrive su Repubblica che il governo Renzi affiancherà servilmente gli americani nella guerra per annientare la sacca di resistenza dei miliziani fedeli all’ISIS e asserragliati a Sirte.

La confusione sotto il cielo della Libia

Eravamo stati facili profeti: la guerra civile libica è destinata a continuare, le potenze europee e gli Usa proseguiranno i loro sporchi giochi, ma per ora niente “stivali sul terreno”, visto che le divisione sono troppe anche nel campo degli imperialisti.

Libia: il “governo” sul gommone

La pagliacciata del secolo, ovvero lo sbarco di Al Serraj sulla costa libica. Una co-produzione Onu-Nato-Usa-Europa per “insediare” il loro fantoccio. Mai si era vista una cosa così ridicola. Che anche l’imperialismo non sia più quello di una volta? (nella foto al Serraj con l’inviato Onu  Kobler)

Il governo che nessuno vuole (almeno in Libia)

Lunedì scorso, il Consiglio di sicurezza dell’ONU, andando incontro ai desideri della NATO e delle potenze occidentali che vogliono impossessarsi della Libia, ha deciso che è venuto il momento dell’insediamento del governo fantoccio da loro voluto con forza. Quello presieduto dal Quisling al Serraj (nella foto). Inutile dire che l’evidente forzatura dell’ONU è stata possibile […]