Libia: perché diciamo no all’invio di truppe italiane

Il lupo perde il pelo ma non il vizio.I paesi NATO, per niente soddisfatti di aver contribuito al disastro della Libia nel 2011, quando diedero avvio ad una sanguinosa campagna di bombardamenti per defenestrare Gheddafi, scalpitano per una seconda guerra d’aggressione. Allora il governo Italiano, Berlusconi primo ministro, malgrado i mal di pancia, partecipò all’aggressione. […]

Ma quale “difesa”, i droni a Sigonella sono da attacco

Libia. MQ-1 Predator e MQ-9 Reaper sono armi letali da first strike (nella foto il recente attacco USA contro l’Isis a Sabratha)Droni killer a Sigonella per bombardare le postazioni Isis in Nord Africa. La notizia, ancora una volta, arriva dall’altra parte dell’oceano. The Wall Street Journal, citando una fonte ufficiale delle forze armate Usa, ha rivelato che […]

Proviamo a fermare la nuova aggressione imperialista in Libia

No al pacifismo, nuovo oppio dei popoliIn merito all’appello di Alex Zanotelli Tanto tuonò che piovve. Le recenti mosse delle diplomazie occidentali sembrano confermare le prime indiscrezioni giornalistiche per cui, le potenze NATO, con a capo gli Stati Uniti, si preparano ad un secondo intervento militare in Libia. Questa volta con l’invio di truppe sul […]

Libia: sarà guerra?

L’intervento internazionale, per quanto non imminente, sarebbe in fase di preparazione. Tutti gli attori sembrano, però, porsi in attesa dell’evolversi degli eventi

In Libia l’unione non fa la forza

Via al governo di unità nazionale di Fayez al Sarraj, ma non si sa neanche se risiederà nella capitale. Il nuovo esecutivo benedetto dall’Onu dovrà arginare l’avanzata del Daesh. E aprire la strada a un altro intervento armato dell’Occidente (Nella foto il premier del nuovo governo di “unità nazionale” al-Sarraj insieme a Lady Pesc, Federica […]

Libia: chi rappresenta chi?

Un accordo per “giustificare” l’intervento armato europeo? Più sotto potete leggere un articolo di Giorgia Grifoni sull’accordo per un nuovo governo unitario in Libia, firmato l’altro ieri in Marocco. Un accordo che fermerà la guerra civile, o pensato solo per favorire l’intervento delle potenze europee?  La “seconda che hai detto” sostiene motivatamente Grifoni.

Libia: Tobruk dice no al piano Onu

I repentini punti segnati dal califfato negli ultimi giorni fanno da cassa di risonanza al fallimento della diplomazia. Tra chi smania per intervenire c’è il premier italiano Renzi che al G7 ha ritirato fuori dal cilindro l’opzione militare come soluzione agli sbarchi di rifugiati disperati

Contrordine

Libia: i dilettanti allo sbaraglio di Palazzo Chigi e i perché di un dietrofront Dunque, almeno per adesso, le navi italiane non salperanno per Tripoli. Già lunedì scorso Renzi aveva annunciato un comico dietrofront, optando apertamente per una “soluzione politica” al posto dell’azione militare. E su questa linea si è espresso ieri il Consiglio di […]

Libia: sarà l’Afghanistan dell’Italia?

La più pericolosa avventura militare degli ultimi settant’anni Il governo Renzi ormai smania. Dopo gli squilli di tromba di Gentiloni – «Siamo pronti a combattere» – ieri è stata la volta di Roberta Pinotti. Il ministro della difesa ha annunciato al Messaggero che «l’Italia guiderà la coalizione». La guerra insomma ci sarà. Una guerra annunciata […]

Libia: il colonialismo “umanitario” del ministro Gentiloni

Il titolare della Farnesina si dice pronto ad inviare truppe nel paese nord-africano Eravamo stati facili profeti, due giorni fa, scrivendo sull’intervista del golpista al Sisi. «Completare la missione della Nato in Libia», questa la sua formale richiesta al governo italiano. Richiesta che in queste ore il despota del Cairo starà rinnovando al governo francese.