Il veleno quotidiano

Un tempo, quando il pane mancava, la tentazione di ricorrere, non metaforicamente, ai forconi si faceva grande e le rivolte divampavano. Memorabili, per la violenza del popolo che si sollevò e per quella degli spagnoli che li represse, i moti avvenuti a Napoli nel giugno del 1585, causati dalla esportazione verso la Spagna delle riserve di […]

Palestina: vignette per non dimenticare

C’è un luogo dal quale la testimonianza dell’inaudito sacrificio imposto con la forza delle armi al popolo palestinese ci appare con più evidenza. C’è uno sguardo che, tra i tanti, ci sembra penetrare di più in quella realtà. E c’è un fronte di lotta dal quale la narrazione dell’esproprio della terra subito dai palestinesi e […]

I discendenti dei Maya: Enel distrugge la madre terra

Ci siamo già occupati (vedi articolo) del comportamento arrogante dell’Enel in Guatemala. Della vicenda torna a scrivere il quindicinale primapagina, con due articoli che pubblichiamo di seguito. Nel primo si dà notizia sugli ultimi sviluppi della lotta degli Indios Ixil; nel secondo viene proposto un parallelo tra questa battaglia e quella delle popolazioni dell’Amiata sulla […]

Solidarietà ai popoli in rivolta

La manifestazione di ieri a Roma C’é voluto un mese per manifestare Dopo quattro settimane di silenzio, sin da quando in Tunisia una inattesa e sorprendente sollevazione popolare e democratica ha mandato a gambe all’aria il governo dispotico di Ben Alì, c’è voluto che il Comitato Immigrati di Roma ed i cittadini egiziani residenti a […]

Quanto Uniti e quanto Diversi?

Uniti e Diversi e il nuovo soggetto politico «Rimane sullo sfondo la prospettiva del soggetto politico che al termine dell’incontro è da considerarsi alquanto remota, come pure è mancata negli interventi l’attenzione ai movimenti reali, come quello emerso nella giornata del 14 dicembre, movimenti che iniziano, pur fra molti limiti e difficoltà, a manifestarsi col […]

Appello per il popolo basco

Per la libertà e il dialogo Chi ha fatto della cultura e la comunicazione il proprio mestiere, non può restare in silenzio davanti al cumulo di falsità, omissioni, tergiversazioni e mezzi repressivi con i quali i poteri stabiliti tentano di occultare la vera natura del denominato conflitto basco ed eludere l’unica via di risoluzione possibile. […]