Germania: scissione nella Linke?

La tedesca Sahra Wagenknecht, esponente assieme a Lafontaine dell’ala sinistra della Linke, il 4 agosto, ha lanciato un nuovo movimento, Aufstehn (Alzarsi) che si ispira a quello di France Insoumise. (Nella foto Sahra Wagenknecht e Oskar Lafontaine)

Lafontaine: “la vera causa del successo di AfD è l’Agenda 2010”

Nel giorno in cui i sondaggi elettorali segnalano uno storico testa a testa fra SPD e AfD e a quasi 20 anni dalle sue dimissioni dal governo Schröder, Oskar Lafontaine si prende la rivincita nei confronti dei socialdemocratici e attacca: è stata la vostra Agenda 2010 a mettere le ali ai (cosiddetti) populisti di destra. Dal profilo FB […]

Lafontaine sulla Linke: «Una politica dei rifugiati sbagliata»

Oskar Lafontaine, leader storico della sinistra tedesca, nella sua analisi del voto tedesco evidenzia il modesto risultato della Linke fra i lavoratori e ne individua le cause in una politica sui rifugiati sbagliata. Per Oskar Lafontaine “giustizia sociale” significa soprattutto garantire condizioni di vita migliori nei paesi di origine dei migranti: una presa di posizione […]

Perché e dove la Merkel ha preso la batosta?

Ci sarà modo, al III. Forum Internazionale No Euro, di ascoltare la delegazione tedesca sull’aria che tira in Germania e quindi capire meglio se davvero, non solo la Merkel barcolla ma, con lei, il sistema politico e sociale tedesco. Alternativa per la Germania (AfD) è davvero una minaccia per il sistema? E potrà la socialdemocrazia (SPD) […]

“Piano B”: resoconto del Summit di Parigi

Come avevamo scritto, una delegazione di Programma 101 si è recata a Parigi lo scorso fine settimana per partecipare ai lavori del summit del cosiddetto “Piano B”. Qui sotto il racconto dei nostri compagni.[Nella foto Oskar Lafontaine che apre i lavori]

Eccola la differenza con Stefano Fassina

Qui di seguito l’intervento che Stefano Fassina  [nella foto] ha svolto all’incontro svoltosi ieri a Parigi (di cui davamo conto l’11 settembre) ed al quale hanno partecipato Oskar Lafontaine, Jean-Luc Mélenchon e Yanis Varoufakis.

Euro: si può uscire a sinistra

Un recente articolo di Roberta Carlini suggerisce fin dal titolo che l’uscita dall’euro può essere pensata ed attuata solo da destra, argomentando la tesi col dire che, se all’inizio dell’unione monetaria qualche borbottio si era fatto sentire anche a sinistra, ormai il discorso anti-euro è decisamente egemonizzato dalle formazioni politiche di area opposta.

Recuperare la sovranità nazionale per salvare l’Italia dall’eurodisastro

Dibattito sull’euro (3. Spartaco Alfredo Puttini)Un articolo su Marx21.it A metà degli anni Settanta l’imperialismo attraversava una crisi profonda, dovendo fronteggiare al tempo stesso la pressione delle classi popolari nel cuore stesso della Triade dei paesi capitalistici avanzati e la lotta per l’emancipazione delle nazioni del Sud del mondo, di cui rimane emblematica la vittoria […]

Lafontaine: non abbiamo più bisogno dell’Euro

Il leader storico della sinistra tedesca, Oskar Lafontaine, con un importante commento su Handelsblatt, esce allo scoperto e attacca la moneta unica: l’Euro è un fallimento, abbiamo bisogno di un nuovo sistema monetario europeo. Da Handelsblatt.de

La fine di un tabù… la morte di un alibi

L’importanza dell’appello anti-euro che arriva dalla Spagna Sorpresa! Graditissima sorpresa! Buone notizie dalla penisola iberica, in attesa che qualcosa si smuova anche in quella italica. L’appello per l’uscita dall’euro, promosso da importanti personaggi della sinistra spagnola – primo firmatario Julio Anguita ex coordinatore di Izquieda Unida (foto) – può segnare una vera svolta.