La sinistra sardinata

Al peggio non c’è limite. Al ridicolo neppure. Tuttavia, il passaggio dal movimento operaio a quello delle “sardine” qualche problema lo dovrebbe porre. E invece no. Mentre la Cgil organizza autobus per portare i pensionati in queste gite ittiche euro-plaudenti, anche nella sinistra sinistrata ci si dà da fare per non essere da meno.

De profundis

La sinistra sinistrata ci riprova. Stavolta con un’assemblea più sconclusionata del solito. Finito anche il tempo dei rituali cortei d’inizio autunno, è ora quello della massima astrattezza condensata in un manifesto di fine stagione. «Unire le lotte. Contro un governo padronale. Contro le destre reazionarie. Assemblea nazionale unitaria delle sinistre di opposizione». Questo il testo […]

Manca un leader o mancano le idee?

Europee: la “sinistra sinistrata” in cocci. Vogliamo discutere del perché? Stavolta evitiamo ogni ironia, che lo spettacolo offerto in queste settimane basta e avanza. Sicuramente la maggioranza dei nostri lettori già conosce gli ultimi passaggi di questa tragicommedia. Per chi invece non li conoscesse, proveremo a sintetizzarli di seguito. Ma lo scopo di questo articolo […]

Di male (M5S) in peggio (i sinistrati)

Se M5S ha deciso di trasfigurare la sua originaria carica anti-sistemica nel volto senza idee di Di Maio l’insipido, qual è la proposta della sinistra sinistrata?

Renzi in affanno

Elezioni comunali: alcune note a caldo, a scrutini ancora in corso Mentre scriviamo gli scrutini non sono ancora terminati. Alcune tendenze appaiono comunque assai chiare. Proviamo a sintetizzarle per punti, analizzando soprattutto i dati delle cinque città principali (Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna). Nelle altre, infatti, la ridicola sfilza di liste e listarelle, spesso […]

Che succede se in autunno Renzi perde?

Adesso Renzi è davvero in difficoltà. Anche se non sarà per l’oggi, a breve il governo dei “rottamatori” rischia di finire rottamato. Nell’esecutivo guidato dal più giovane dei presidenti del consiglio della storia, sono proprio i ministri (e le ministre) più giovani quelli più invischiati nelle maglie di una diffusa rete affaristica. E quando inizia […]