Ultime dalla Libia

Come sempre in Libia, le cose non sono affatto chiare. Cosa è successo esattamente ieri? C’è stato davvero un tentativo di prendere i palazzi del potere nella capitale da parte delle forze dell’ex premier tripolino al-Ghwell? La risposta sembrerebbe essere: sì e no. Sì, perché le sue milizie sono effettivamente entrate negli edifici dei ministeri […]

Libia: il “governo” sul gommone

La pagliacciata del secolo, ovvero lo sbarco di Al Serraj sulla costa libica. Una co-produzione Onu-Nato-Usa-Europa per “insediare” il loro fantoccio. Mai si era vista una cosa così ridicola. Che anche l’imperialismo non sia più quello di una volta? (nella foto al Serraj con l’inviato Onu  Kobler)

Il governo che nessuno vuole (almeno in Libia)

Lunedì scorso, il Consiglio di sicurezza dell’ONU, andando incontro ai desideri della NATO e delle potenze occidentali che vogliono impossessarsi della Libia, ha deciso che è venuto il momento dell’insediamento del governo fantoccio da loro voluto con forza. Quello presieduto dal Quisling al Serraj (nella foto). Inutile dire che l’evidente forzatura dell’ONU è stata possibile […]

Proviamo a fermare la nuova aggressione imperialista in Libia

No al pacifismo, nuovo oppio dei popoliIn merito all’appello di Alex Zanotelli Tanto tuonò che piovve. Le recenti mosse delle diplomazie occidentali sembrano confermare le prime indiscrezioni giornalistiche per cui, le potenze NATO, con a capo gli Stati Uniti, si preparano ad un secondo intervento militare in Libia. Questa volta con l’invio di truppe sul […]

In Libia l’unione non fa la forza

Via al governo di unità nazionale di Fayez al Sarraj, ma non si sa neanche se risiederà nella capitale. Il nuovo esecutivo benedetto dall’Onu dovrà arginare l’avanzata del Daesh. E aprire la strada a un altro intervento armato dell’Occidente (Nella foto il premier del nuovo governo di “unità nazionale” al-Sarraj insieme a Lady Pesc, Federica […]

Libia: chi rappresenta chi?

Un accordo per “giustificare” l’intervento armato europeo? Più sotto potete leggere un articolo di Giorgia Grifoni sull’accordo per un nuovo governo unitario in Libia, firmato l’altro ieri in Marocco. Un accordo che fermerà la guerra civile, o pensato solo per favorire l’intervento delle potenze europee?  La “seconda che hai detto” sostiene motivatamente Grifoni.

Libia: Tobruk dice no al piano Onu

I repentini punti segnati dal califfato negli ultimi giorni fanno da cassa di risonanza al fallimento della diplomazia. Tra chi smania per intervenire c’è il premier italiano Renzi che al G7 ha ritirato fuori dal cilindro l’opzione militare come soluzione agli sbarchi di rifugiati disperati

Libia: sarà l’Afghanistan dell’Italia?

La più pericolosa avventura militare degli ultimi settant’anni Il governo Renzi ormai smania. Dopo gli squilli di tromba di Gentiloni – «Siamo pronti a combattere» – ieri è stata la volta di Roberta Pinotti. Il ministro della difesa ha annunciato al Messaggero che «l’Italia guiderà la coalizione». La guerra insomma ci sarà. Una guerra annunciata […]

Separatisti libici prendono il controllo delle esportazioni di petrolio

Come era facile prevedere, la situazione in Libia va facendosi sempre più critica e confusa. Chi credeva ad una facile stabilizzazione post-bellica è stato smentito da tempo. Sulle ultime vicende, relative alla lotta per il controllo delle esportazioni petrolifere, riprendiamo un articolo uscito su InfoPal.

Che succede a Bengasi?

Il Governo ad interim invoca l’intervento USA-NATO? Qui il sito degli insorti libici col testo fondativo del Consiglio Nazionale Provvisorio Il 2 marzo scorso, a 13 giorni dalla insurrezione libica, pubblicavamo un articolo dal titolo: «Con l’insurrezione fino a prova contraria. Via Gheddafi, senza se e alcuni ma». In buona sostanza vi si affermava, in […]