Proteggere Julian Assange!

Dal giugno 2012 l’antimperialista Julian Assange è rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador nel Regno Unito. Il nuovo presidente dell’Ecuador Lenin Moreno, contro la decisione del presidente precedente Rafel Correa, avrebbe deciso di consegnare il fondatore di Wikileaks agli Stati Uniti. Un atto gravissimo vista la durissima condanna che gli sarebbe inflitta dalla “giustizia” USA. Volentieri pubblichiamo questo articolo […]

Con l’Ecuador che ha saputo dire no

Manifestiamo in ogni modo la solidarietà con il governo ed il popolo ecuadoregno Dunque il piccolo Ecuador ha osato sfidare la Gran Bretagna e, soprattutto, gli Stati Uniti, dove Julian Assange sarebbe certo finito (con il rischio di una pesante condanna per «spionaggio») se il coraggioso governo di Quito non gli avesse concesso l’asilo politico.

Minetti for president?

E’ da tempo ben chiaro che stiamo sguazzando in un  pantano dal quale non si sa quando e come usciremo.Ci auguriamo l’uscita di scena di Berlusconi e della sua corte di sicofanti e di giullari, che a volte sono peggiori, ed è molto difficile, del sultano che li domina. Ciò pur sapendo che i politici […]

Una crisi rivoluzionaria che segnerà il futuro del Medio Oriente

Il regime Mubarak allo sbando, ma per ora non molla – La più grande rivolta dell’Egitto moderno – Il ruolo decisivo dell’esercito – L’alternativa americana è tra il perdere l’Egitto e il perdere la faccia Mubarak per ora non se ne va. Se ne vanno i familiari, tra i quali il figlio Gamal già indicato […]

Opposizione cubana e Wikileaks, quello che i giornali non dicono

“L’opposizione cubana è divisa, dominata da personalismi, persone che hanno come principale scopo ottenere denaro da noi più che programmare il dopo-Castro. Se vogliamo rovesciare Cuba rivoluzionaria con questa gente non otterremo nulla e dovremmo piuttosto cercare qualcuno all’interno del governo”. Chi scrive queste sconsolate righe, che qualunque osservatore serio di cose cubane sottoscriverebbe, ma che non troverete […]

Wikileaks: Israele niente?

Assange stipulò un patto segreto con Israele? “Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che Israele ha giocato d’anticipo per limitare i danni provocati dalle rivelazioni di Wikileaks, aggiungendo che “nessun documento segreto d’Israele è stato reso pubblico da Wikileaks”. (Haaretz) In tanti difendono a spada tratta Julian Assange, dipingendolo come un eroe del “giornalismo d’inchiesta”, uno […]

I segreti di Pulcinella

Wikileaks e la minestra riscaldata Preceduti da un’abilissima campagna di promozione pubblicitaria sono quindi filtrati i primi “file segreti” estorti al Dipartimento di Stato e al Pentagono nordamericani – o forse fatti circolare ad arte da qualche loro cricca. Doveva essere un cataclisma e invece l’impressione che ne traggo può essere così sintetizzata: “la montagna […]

Sventolare la bandiera, falsare le notizie

Vero e falso sull’Iraq, e non solo Le forti polemiche provenienti da Washington sul ritiro delle truppe dall’Iraq rappresentano una povera sceneggiata per nascondere la determinazione americana nel voler proseguire la guerra. E lo stesso tipo di raggiro è in atto qui in Gran Bretagna. Si dice che Edward Bernays, il nipote americano di Sigmund […]

I crimini di guerra di Obama

La Sinistra Radicale dell’Afghanistan sui documenti segreti diffusi da Wikileaks I file segreti svelano la barbarie della missione USA/NATO in AfghanistanLa diffusione di importanti file segreti da parte di Wikileaks ha rivelato una volta di più la natura criminale e illegale della missione USA/NATO in Afghanistan, nonché documentato il vero compito delle truppe d’occupazione sotto […]

La porta stretta

Obama e la guerra perduta Quando Barack Obama è diventato presidente c’erano in Afghanistan 33mila soldati americani (il numero dei mercenari privati e degli ausiliari arruolati come personale Ngo è imprecisato, ma si tratta di decine di migliaia), adesso siamo praticamente a quota 94mila. Obama ha praticamente triplicato le sue truppe d’occupazione, alle quali vanno […]