Julio Anguita ci ha lasciati. Il dolore e la rabbia

Julio Anguita ci ha lasciati. Il dolore e la rabbia

La morte di Susana López lo ha colpito molto. Mi ha chiamato con un tono per lui alquanto insolito, come fosse disperato. Susana aveva telefonato ai suoi amici in quello che era, consapevolmente o no, un addio. Agustina, la sua compagna, me lo confermò più tardi. In quei giorni, mi chiamò anche per parlarmi del […]

Un appello dalla Russia

Un appello dalla Russia

Nell’ambito delle iniziative previste in Russia per celebrare il 75mo anniversario della vittoria dell’Armata Rossa sulle forze nazifasciste, che avevano invaso il paese nel corso della II Guerra Mondiale, è stata prevista la costruzione di un Memoriale all’interno del Parco Patriottico di Mosca. Sulle pareti di questo memoriale, saranno impressi i nomi di tutti i combattenti della Grande Guerra […]

Domenica in piazza a Roma per Julian Assange

Domenica in piazza a Roma per Julian Assange

IN DIFESA DI JULIAN ASSANGE IN DIFESA DELLA LIBERTÀ DI STAMPA  Il Campo Antimperialista aderisce al flashmob che si svolgerà Domenica 23 febbraio a Roma in Piazza del Popolo dalle ore 16:00 alle ore 19:00 promosso dal Gruppo Italiani per Assange QUESTO IL TESTO DI CONVOCAZIONE… «Per sensibilizzare i cittadini sulla richiesta che si alza […]

Dopo la Brexit, la Russia come alternativa?

Dopo la Brexit, la Russia come alternativa?

Enric Juliana è un giornalista unico e, per molti versi, diverso. Il suo stile è quello di collocare storicamente il fatto, i dati, le notizie; cercando di andare oltre il giorno per giorno, inquadrando ciò che accade in un contesto più ampio. Qualche giorno fa ha collegato la Brexit alla geopolitica assumendo come riferimento Halford […]

Una clamorosa falsità storica

Una clamorosa falsità storica

La guerra e l’Unione europea (a proposito delle manifestazioni del 25 gennaio) «Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace», questo il nobile proposito enunciato nel titolo dell’appello che chiama alla mobilitazione per il prossimo 25 gennaio. Il problema è che al titolo segue un testo. Anch’esso, beninteso, contiene obiettivi condivisibili. Peccato che siano stati impacchettati in […]

Che guerra è questa?

In Libia solo una guerra per il petrolio? C’è molto di più. E’ Maurizio Molinari che su LA STAMPA  di oggi segnala come il Paese sia un campo di battaglia geopolitico, in particolare: «Le milizie di al-Serraji possono contare su armi e militari della Turchia, mentre, sul fronte opposto i maggiori contributi bellici arrivano da […]

Fuori gli imperialisti dal Medio oriente!

Fuori gli imperialisti dal Medio oriente

Comunicato n. 1/2020 del Comitato Centrale di Programma 101 La criminale uccisione del generale Qassem Soleimani segna un salto di qualità nella politica aggressiva dell’imperialismo americano in Medio oriente. Dopo la rottura dell’accordo sul nucleare, l’imposizione di pesanti sanzioni, è questo l’ultimo scalino di un’escalation contro l’Iran che potrebbe condurre alla guerra. In questo quadro […]

La reazione dell’Iran

La reazione dell’Iran

SOLLEVAZIONE aveva ospitato almeno due interventi che avevano previsto con quasi un anno di anticipo la crisi geopolitica in cui siamo precipitati (QUI e QUI). Ne va dato atto, a maggior ragione per il fatto che tutti i maggiori e più importanti analisti parlavano invece di una sostanziale irrilevanza del fronte mediorientale in vista di […]

L’ultimo crimine americano: ucciso il generale Soleimani

L’ultimo crimine americano: ucciso il generale Soleimani

Non c’è bisogno di condividere ogni passo della politica estera regionale della Repubblica Islamica dell’Iran per condannare fermamente il micidiale attacco missilistico con cui gli Stati Uniti hanno ucciso questa mattina in Iraq il generale Qassem Soleimani, capo del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie (Forza Gerusalemme), vicinissimo alla Guida suprema Ali Khamenei.   Con Soleimani è […]

Raccogliere il testimone del popolo francese

Raccogliere il testimone del popolo francese

Comunicato n. 13/2019 del Comitato Centrale di Programma 101 Mentre la Francia era paralizzata dalla più massiccia ondata di scioperi e mobilitazioni sindacali da dieci anni a questa parte, il Parlamento francese, dopo una faticosa maratona, ha approvato ieri la Legge di Bilancio 2020. Una manovra di marca verde-euro-austeritaria che dovrebbe portare il deficit al […]