Il QE della discordia

Il processo inarrestabile della disunione europea va avanti Quantitative easing (QE): ecco il nuovo pomo della discordia di un’Europa sempre più divisa. La questione è da tempo sul tavolo della Bce, ma adesso il tempo stringe. Il problema è quello se utilizzare, oppure no, il QE per acquistare titoli di Stato. E, se sì, in […]

Le balle di «nonna Europa»

Il salva-Juncker: un Fondo senza fondi a cui nessuno crede I famosi 300 miliardi di investimenti dell’Unione Europea sono dunque arrivati. C’è solo un dettaglio: sono solo 21, ed a guardar meglio soltanto 5. Magie della finanza creativa. Mica hanno messo lì per caso un lussemburghese…

Il partito tedesco

Vogliamo anticipare subito la nostra conclusione: il “Partito tedesco” in Italia c’è, è capeggiato da la Repubblica. La Germania — ad un quarto di secolo dall’unificazione  e 22 dalla firma del Trattato di Maastricht — è il paese prevalente ed egemone in Europa.

UE: Juncker, Re dei paradisi fiscali

A Bruxelles rubano ai poveri per aiutare gli straricchi Il neo eletto presidente della Commissione Europea, Jean Claude Juncker ha una doppia faccia: spietato con i cittadini, fino all’estorsione dell’ultimo soldo di rame per le tasse, ed allegro furfante quando esonerava multinazionali e banche, con accordi sottobanco. O si accontentava che pagassero solo l’1% al […]

Più che un compromesso un rinvio

E intanto nel “condominio Europa” si litiga su chi debba pagare la luce delle scale… Il provvisorio compromesso tra la Commissione europea ed il governo italiano è dunque cosa fatta. Così pure quello con l’esecutivo francese. Pur senza rispettare appieno i vincoli europei, Renzi ed Hollande ridurranno i rispettivi deficit previsti per il 2015. La […]

Sinistra svegliati, la casa europea brucia

Il legame strettissimo tra la politica recessiva dell’Unione Europea e quella liberista, iniqua e inconcludente del governo Renzi sembra stranamente sfuggire alla sinistra italiana. Che sulla natura della UE si dimostra ancora illusa sul piano teorico e impotente sul piano politico.

E Draghi da che parte sta?

Il vertice di Milano sull’occupazione, ideato dall’allora governo Letta, si è concluso come doveva concludersi, in un nulla di fatto.

L’Unione Europea verso la rottura?

Leonardo Mazzei, giorni addietro, ha definito il modus operandi del governo Renzi con l’efficace figura del “double face”:«Da un lato si alleggerisce parzialmente l’austerità (anche se una decina di miliardi di tagli da qualche parte dovranno comunque venir fuori entro 15 giorni), dall’altro si offre a Bruxelles un’austerità futura ancora più forte».Vorrei aggiungere ulteriori e […]

Disunione Europea

Cosa è successo in questi giorni tra Parigi, Roma e Berlino? Cosa è successo ieri a Napoli da mandare in tilt il listino di Milano, e non solo? E’ successa una cosa semplice, semplice. Da noi da tempo prevista e del resto facilmente immaginabile. In breve: la crisi del mostro eurista sta giungendo ad un […]