Ucraina

Ucraina 2014

Sempre più vicino lo spettro della guerra civile Secondo alcuni geografi il centro (geografico, appunto) dell’Europa sarebbe in Ucraina. Per l’esattezza, esso si troverebbe nei pressi della cittadina di Rachiv, nell’Oblast’ (regione) della Transcarpazia, nella parte sud-occidentale del paese, vicino al confine con la Romania. Dunque, contrariamente a quanto saremmo portati a credere in base […]

Per capire la situazione in Ucraina

Dopo gli scontri degli ultimi giorni, che hanno fatto registrare 3 morti e numerosi feriti, la tregua tra il governo di Kiev e le forze di opposizione sembra ora appesa ad un filo. La ricerca di un compromesso continua, ma l’esito non appare scontato. Sulla situazione in Ucraina, e sui suoi vari aspetti – interni […]

Quo vadis Ucraina? Europa quid quaeris?

Ci siamo già occupati della vicenda dell’Ucraina, in particolare riguardo agli aspetti geopolitici legati all’iniziativa statunitense e Nato. Ma c’è evidentemente da tener conto anche del versante europeo, quello tedesco in primo luogo. Di questo ci parla l’articolo di Graziano Priotto che pubblichiamo di seguito.

L’Ucraina serve come base militare NATO

La questione ucraina è abbastanza complessa. Non è in gioco soltanto l’ulteriore espansione ad est dell’UE, che avrebbe peraltro conseguenze pesantissime per l’economia del paese. Né è in gioco soltanto la strategia regionale di Putin. In gioco – in mezzo ad una protesta alimentata dal diffuso malcontento e da una classe politica corrotta – è […]

La vittoria di Yanukovich

La NATO si allontana, gli oligarchi restano Sono lontani i tempi della “rivoluzione arancione”, novembre 2004, quando, col pieno sostegno degli americani e dell’Unione europea (che in Ucraina sperimentarono con successo la strategia delle rivoluzioni colorate), una marea popolare extraparlamentare portò al potere Viktor Yuschenko, colui che avrebbe voluto portare l’Ucraina nella Nato e nella […]

Ucraina: il gas che può scottare Yushchenko

Un paese sull’orlo del precipizioDa qualche giorno il gas russo ha ripreso a fluire verso l’Europa attraverso i gasdotti che attraversano l’Ucraina. In apparenza tutti sono felici dell’accordo raggiunto: gli ucraini per aver definito un accordo decennale sulle forniture e sui prezzi di transito, i russi per aver ottenuto un prezzo superiore a quello attuale, […]

Non di solo gas si tratta

La partita tra Mosca e KievSbaglieremmo di grosso a considerare lo scontro in atto tra Russia ed Ucraina come una semplice questione di gas, gasdotti e prezzi, regolabile tramite accordi commerciali tra le ditte in questione: la Gazprom russa da un lato, la Naftogaz Ukraini dall’altro.